rotate-mobile
Attualità Spoltore

Un gioco per dare lezioni di protezione civile agli alunni della scuola di Santa Teresa di Spoltore [FOTO]

in occasione della Settimana nazionale della protezione civile le lezioni frontali per i bambini della Tiziana Fagnani, a Santa Teresa di Spoltore, si sono concluse le lezioni frontali con il gioco di ruolo riguardante le emergenze idrogeologiche ed idrauliche

Si è conclusa con un gioco di ruolo con i bambini impegnati a ad impersonare i diversi soggetti coinvolti nelle attività di protezione civile, dal sindaco al centralinista del Coc la serie di lezioni frontali tenute nelle classi della scuola Tiziana Fagnani, a Santa Teresa di Spoltore, per la Settimana nazionale della protezione civile. Domani 13 ottobre cade infatti la Giornata internazionale per la riduzione dei disastri naturali" creata dalle Nazioni Unite e Spoltore ha sottolineato la ricorrenza ospitando il progetto “A scuola di protezione civile”.

La lezione è stata dedicata in particolare al rischio idrogeologico e idraulico: attraverso un brain storming iniziale è stato spiegato il compito della protezione civile, a seguire il gioco di ruolo con gli alunni impegnati nella gestione dell'emergenza. Questa mattina hanno seguito i lavori l'assessore delegato Stefano Burrani e il sindaco Chiara Trulli, raggiante al momento del saluto con la bambina che interpretava il primo cittadino nella simulazione. La protezione civile regionale ha spiegato che l'Abruzzo è un territorio estremamente fragile e sottoposto a diversi rischi naturali, tra i quali il rischio idrogeologico/idraulico, cui è soggetta la quasi totalità dei comuni.

"La comunità scientifica ha stabilito che questi fenomeni risultano essere in intensificazione a causa dei cambiamenti climatici, di conseguenza, anche la percezione del rischio da parte del cittadino dovrà adeguarsi a nuovi scenari che vedono aumentare, non solo la frequenza e l’intensità delle calamità, ma anche la fragilità dei territori"

Un cittadino consapevole del rischio naturale è un cittadino capace di scegliere, in grado di adottare comportamenti corretti per la riduzione dei rischi e la salvaguardia dell’ambiente ha aggiunto la proteziuone civile che per questo intende sensibilizzare ed educare le nuove generazioni a questo tema:

"Attraverso un percorso cognitivo ed un apprendimento situato, che parte dalla conoscenza e studio dei fenomeni, per arrivare alla messa in atto di comportamenti, anche quotidiani, finalizzati alla protezione di sé e degli altri".

Lezioni protezione civile scuola Santa Teresa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un gioco per dare lezioni di protezione civile agli alunni della scuola di Santa Teresa di Spoltore [FOTO]

IlPescara è in caricamento