menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Buoni spesa, a Pescara presentate 2.474 domande in 5 giorni: ora l’invio dei codici per gli acquisti

Adesso è tutto pronto per la seconda fase che prevede l’invio dei codici per gli acquisti

Sono complessivamente 2.474 le domande per i buoni spesa presentate al Comune di Pescara in soli 5 giorni.
Adesso è tutto pronto per la seconda fase che prevede l’invio dei codici per gli acquisti.

La campagna, coordinata dall'ufficio delle Politiche Sociali, ha consentito di presentare domande da sabato 12 a mercoledì 16 dicembre.

«Un dato», dice l’assessore alle Politiche Sociali, Adelchi Sulpizio, «che dimostra la condizione di disagio, a seguito dell’emergenza Covid-19 (Coronavirus),  di un’ampia fascia della popolazione pescarese. Quasi 2500 nuclei famigliari avranno invece la possibilità di ricevere un aiuto concreto da parte del Comune, utilizzando i buoni-spesa per l’acquisto di beni di prima necessità in un periodo, come quello delle festività natalizie, che in questo modo speriamo possa regalare un sorriso in più ai nostri concittadini in difficoltà».

Già da domani, venerdì 18 dicembre, partirà la seconda fase con l'inoltro degli sms che conterranno il “codice pin” da presentare, unitamente alla tessera sanitaria, nei punti vendita convenzionati per la distribuzione alimentare. L’elenco delle attività commerciali dove sarà possibile utilizzare i cosiddetti “buoni-spesa” verrà quotidianamente aggiornato sul sito istituzionale del Comune (www.comune.pescara.it).
L’amministrazione comunale sottolinea e ricorda, inoltre, che nel sito istituzionale sono specificate nel dettaglio la modalità di utilizzo degli stessi buoni e le percentuali di sconto offerti da ciascun operatore a favore del titolare del beneficio. 

«Mi preme ringraziare», conclude Sulpizio, «tutto il personale del Comune e delle associazioni del Terzo Settore che non hanno lesinato impegno per assolvere alle richieste pervenute, facendo in modo che i buoni venissero consegnati in tempi brevissimi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rustell: storia e origini degli arrosticini abruzzesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento