rotate-mobile

VIDEO | Il sottosegretario degli Interni Molteni rassicura: più agenti per garantire un controllo maggiore sul territorio

Da parte del governo, assicura, l'impegno è stato preso e sarà mantenuto: "La sicurezza non è mai un costo, ma sempre un investimento", ha detto nel corso del convegno sulla legalità organizzato dal Coisp e tenutosi nella Sala dei Marmi della Provincia

“Questo governo ritiene fondamentale investire nella sicurezza, nel controllo del territorio, nella prevenzione, nel lavoro con le questure e le prefetture e per garantire sicurezza e legalità la priorità è rafforzare gli organici. Nell'ultima legge di bilancio abbiamo stanziato 100milioni di euro l'anno per dieci anni per rafforzare gli organici delle forze di polizia. La sicurezza non è mai un costo, ma un investimento. Usciamo da anni di tagli alle politiche della sicurezza. Per questo governo non ci sono né tagli né chiusure, ma aperture di presidi de legalità, investimenti e risorse per rafforzare sicurezza e difesa. Ovviamente più uomini e più pattuglie vuol dire più controllo del territorio e l'impegno di questo governo è confermato e prioritario”.

Con queste parole il sottosegretario agli Interni Nicola Molteni ha dunque confermato che anche a Pescara il numero delle forze di polizia aumenterà. Una rassicurazione data al sindacato Coisp (Coordinamento per l'Indipendenza sindacale delle forze di polizia) in occasione del convegno “Legalità, parliamone” tenutosi nella sede della Provincia di Pescara alla presenza, tra gli altri, del prefetto Giancarlo Di Vincenzo. Un evento patrocinato dall'ente e al quale hanno collaborato l'istituto Rea e la Figec Abruzzo-Cisal.

Niente più chiusure dei presidi sul territorio, assicura, ma aperture e nuovi uomini per garantire la sicurezza dei cittadini. Cosa possibile grazie, sottolinea Molteni, alle donne e gli uomini della polizia che “è la migliore al mondo. Compito del governo è mantenere la qualità ed efficienza della polizia ai livelli migliori. Questo vuol dire organici, contratti, tutele, benessere e sostegno sotto tutti i punti di vista”. Molteni ha quindi espresso soddisfazione per aver voluto il taser per gli agenti definendolo “uno strumento indispensabile per garantire l'incolumità delle forze di polizia”.

“C'è un impegno a 360 radi per aumentare quella che viene definita la percezione di sicurezza da parte dei cittadini – ha aggiunto il sottosegretario -. Ci sono alcuni fenomeni che creano allarme sociale come la mala movida, lo spaccio, l'immigrazione non controllata, le occupazioni abusive, la devianza giovanile e le baby gang. Questo governo lavora per aumentare le soglie di sicurezza per i cittadini italiani. Per fare ciò – ribadisce – dobbiamo mettere gli operatori delle forze dell'ordine e da questo punto di vista ringrazio il Coisp che è sindacato attento, sensibile e di stimolo al governo e all'amministrazione sul tema della sicurezza, nelle condizioni di poter lavorare al meglio e questo è l'impegno del governo”.

Sicurezza che, ha detto Molteni, passa per la capacità di fare rete tra istituzioni, forze dell'ordine e cittadini che devono sempre segnalare eventuali situazioni di illegalità. “Sono loro il primo presidio di sicurezza e libertà di territori perché senza sicurezza non abbiamo la libertà né gli investimenti”. Tra le priorità dunque, ha concluso, anche la formazione degli agenti e i regolamenti delle polizie locali ai cui regolamenti, assicura, si sta lavorando.

Copyright 2023 Citynews

Video popolari

VIDEO | Il sottosegretario degli Interni Molteni rassicura: più agenti per garantire un controllo maggiore sul territorio

IlPescara è in caricamento