rotate-mobile

VIDEO | Affido familiare, in Abruzzo è anche lavoro e disabilità: via alla campagna di sensibilizzazione

Un progetto innovativo quello promosso dalla garante dell'infanzia e l'adolescenza Maria Concetta Falivene che si avvale della collaborazione di Confimi Industria Abruzzo e della Tua: domenica 25 febbraio i gazebo informativi in 11 piazze della regione, in città sarà in piazza della Rinascita

Domenica 25 febbraio piazza della Rinascita sarà una delle 11 piazze abruzzesi da cui partirà la campagna regionale per l'affido familiare che in Abruzzo vuole “sposare” le esigenze dei ragazzi che vivono in situazioni difficili con quelle delle famiglie che hanno figli con disabilità e che sono oltre 7mila sul territorio.

Tutti possono dare il loro contributo, persone e aziende ed è per questo che la garante dell'infanzia e l'adolescenza aria Concetta Falivene ha voluto la partecipazione di Confimi Industria Abruzzo al progetto con cui si intende promuovere l'accoglienza temporanea dei minori che si trovino in stato di abbandono materiale o morale anche con percorsi lavorativi; un progetto in cui rientra, come detto, anche l'affido “leggero” dei ragazzi disabili cui dare continuità assistenziale alleggerendo anche il carico dei genitori divisi tra lavoro e cure necessarie.

Grazie all'Osservatorio futuro giovani, spiega quindi la garante, sarà avviato un percorso che consentirà agli adolescenti che vivono in condizioni difficili di partecipare a corsi di formazione professionale e dunque di avere anche opportunità lavorative. Tra i problemi più evidenti ci sono le dipendenze da alcol e droga a arginare il fenomeno è uno degli obiettivi così che si possa anche intervenire su uno dei problemi che spesso vi si collega: l'abbandono scolastico. Un progetto pilota che parte proprio dall'Abruzzo e che sarà portato all'attenzione del ministero del lavoro, sottolinea Falivene, perché si possa estendere a tutto il Paese. A supportare la campagna al fine di sensibilizzare i cittadini a decidere di prendere in affido un ragazzo e aiutarlo nel suo recupero e nella crescita, c'è anche la Tua che, spiega Anna Lisa Bucci del consiglio d'amministrazione della società. Nel sottolineare l'orgoglio per il sostegno che si darà al progetto spiega quindi che la società si farà carico di una campagna divulgativa tramite i banner che saranno installati sui mezzi urbani ed extraurbani.

Un orgoglio condiviso dalla direttrice di Confimi Industria Abruzzo Alessandra Relmi. “Proviamo a risolvere un problema che è quello di formare questi ragazzi e dargli la possibilità di iniziare un percorso lavorativo all'interno delle nostre aziende che si sono messe a completa disposizione e ambire a un futuro migliore. Andiamo anche a fare un recupero sociale perché questi ragazzi con il lavoro potrebbero trovare, e ce lo auguriamo con tutto il cuore, un domani come detto migliore”, aggiunge ringraziando anche il presidente Luca Tosto.

“Quella che intendiamo promuovere è la cultura dell'affido – prosegue quindi Falivene -. C'è molta solitudine e si pensa che non si possa procedere con l'affido familiare, ma non è così. A giugno porteremo a giugno davanti al parlamento una riforma legislativa di semplificazione per riconvertire realmente il sistema in modo che ci sia chiarezza, trasparenza e attuazione di quella che è la ratio reale concreta e non teorica, del supremo interesse del minore”.

Copyright 2024 Citynews

Video popolari

VIDEO | Affido familiare, in Abruzzo è anche lavoro e disabilità: via alla campagna di sensibilizzazione

IlPescara è in caricamento