Martedì, 15 Giugno 2021
Pescara calcio

Juve Stabia Pescara 3-2

Tre gol delle "vespe" di Braglia stendono un Delfino apparso molle e poco determinato per uscire indenne dal catino infuocato del Menti. A decidere il risultato finale un discusso rigore realizzato da Erpen

Zdenek Zeman

Emozioni, polemiche, errori arbitrali, accade di tutto al Menti di Castellammare. Ancora una volta non bastano due gol ai biancazzurri per ottenere punti in trasferta. Dopo Modena e Reggina, anche le “vespe” di Braglia trafiggono per ben tre volte la sbadata retroguardia biancazzurra. Dopo cinquantanove anni e cinque mesi la Juve Stabia torna così alla vittoria in serie B. Zeman manda in campo dal primo minuto Gessa al posto di Kone e conferma la retroguardia di Reggio Calabria. In avanti il solito tridente composto da Sansovini, Immobile e Insigne. Braglia, come anticipato in settimana, abbandona il 3-4-3 e passa a un più accorto 4-4-2. In attacco, accanto a Danilevicius, spazio per l’ex bomber del Foggia Marco Sau.

MATCH Le vespe di Braglia partono forte ma è il Pescara a passare per primo in vantaggio. Dopo un bel diagonale di Erpen e il gol ingiustamente annullato a Danilevicius, il Pescara passa con Togni. Il brasiliano al minuto 26’ batte colombi con un preciso calcio piazzato. La reazione delle “vespe”, però, non tarda ad arrivare e al 39’, complice un’ingenuità a centrocampo di Cascione, è Danilevicus a battere Anania con un bel destro a giro. Nella ripresa dopo 5’ di gioco è Scozzarella a portare in vantaggio i campani con un potente destro dal limite dell’area. Al 27’ Insigne sguscia su Baldanzeddu e si procura un calcio di rigore. Immobile dal dischetto è freddo e rimette la situazione in parità. A tre minuti dal termine, Bocchetti si fa sorprendere alle spalle da Raimondi e lo stende: per l’arbitro il difensore biancazzurro commette fallo in area e decreta il secondo penalty della gara più l’espulsione del giocatore. In realtà il fallo di Bocchetti è fuori area: grave errore dell’esperto Velotto. Dal dischetto Erpen, con un irriverente e delizioso cucchiaio, non sbaglia e fa esplodere di gioia il Menti.

LA SVOLTA DEL MATCH Due i momenti chiave che hanno portato alla sconfitta il Pescara. Il primo è il pari di Danilevicus propiziato da un’ingenuità a centrocampo di Cascione. Il secondo è il rigore in favore dei padroni di casa decretato da Velotto a pochi minuti dalla fine. Il fallo di Bocchetti è netto ma è iniziato un metro e mezzo fuori dall’area biancazzurra.

LE DICHIARAZIONI DEL POST PARTITA

Braglia: Abbiamo giocato con la grinta e determinazione. Il 3 a 0 di Livorno ci ha dato una scossa positiva. In queste prime giornate di campionato sono stato attaccato ma nessuno ha detto che abbiamo giocato senza centrale difensivo. Sau si è inserito ottimamente, non potesse giocare così bene alla prima partita da titolare”.

Zeman: “Da parte nostra è mancata la cattiveria agonistica. La Juve Stabia ha interpretato la gara come mi aspettavo, con grinta e determinazione per tutti e novanta i minuti. Da Insigne mi aspetto molto di più. Sau? Conosco le sue qualità, lo scorso anno ha fatto molto bene”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

IlPescara è in caricamento