Altro

Barlaam torna nella sua Penne per festeggiare i successi di Tokyo

Il 21enne nuotatore paralimpico di origini vestine premiato dagli amministratori locali dopo le medaglie e i record della scorsa estate

Accolto come una star nella città del suo papà e di cui conserva con orgoglio le origini e tanti amici e parenti. Simone Barlaam, 21 anni, medaglia d'oro nei 50 stile libero e recordman nel nuoto alle ultime Paralimpiadi di Tokyo, è stato premiato a Penne dagli amministratori locali in un'emozionante cerimonia pubblica. "Orgoglio della nostra città e esempio di tenacia", lo hanno definitoi suoi concittadini pennesi.

Nato con un femore corto congenito, fratturato al momento del parto, nel corso degli anni ha subito dodici interventi chirurgici. Ma questo non gli ha impedito di appassionarsi al nuoto fin da bambino e sviluppare il suo incredibile talento in vasca.

Simone, figlio di Riccardo Barlaam, giornalista del Sole 24 Ore, è un campione ormai riconosciuto nel mondo: ha già alle spalle una serie di importanti vittorie come le due medaglie d'oro conquistate nel 2017, a soli 17 anni, nei campionati mondiali di CIttà del Messico oltre ad una medaglia di bronzo nei 100 dorso.

Nelle Paralimpiadi di Tokyo, Barlaam ha fatto il pieno di medaglie (argento nei 100 metri farfalla, argento nella 4x100 stile libero e bronzo nella 4x100 mista) e ha stabilito il nuovo record paralimpico di specialità. Già in occasione delle vittorie di quattro anni fa, l'amministrazione comunale pennese aveva dedicato al giovane un post per complimentarsi per gli eccezionali risultati ottenuti nonostante la giovane età.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barlaam torna nella sua Penne per festeggiare i successi di Tokyo

IlPescara è in caricamento