rotate-mobile
Cronaca Spoltore

Sventata truffa del falso incidente a danno di un anziano, arrestata ragazza incensurata e denunciato un uomo

I carabinieri e la polizia locale sono intervenuti in via Roma della frazione di Villa Raspa di Spoltore per salvare un 86enne che aveva già preparato una somma di 8.800 euro in contanti

Operazione congiunta di carabinieri e polizia locale per sventare una tentata truffa ai danni di un anziano di 86 anni residente in via Roma a Villa Raspa di Spoltore.
Nel pomeriggio di martedì 28 novembre i carabinieri della locale Stazione coadiuvati dagli agenti della polizia locale, hanno arrestato una giovane donna incensurata e denunciato a piede libero un uomo già noto alle forze dell'ordine, entrambi di origini campane.

I due, nel primo pomeriggio di ieri con lo stesso modus operandi già denunciato per altre truffe consumatesi nel territorio, telefonicamente avrebbero contattato l’utenza fissa intestata all'anziano 86enne e con il cosiddetto metodo del falso incidente con feriti in seguito del quale l’interlocutore qualificandosi come maresciallo dei carabinieri per il risarcimento propedeutico del danno al mancato arresto del figlio di li a poco a casa dell’anziano si sarebbe presentata una donna per la riscossione del danaro quale risarcimento dovuto. Tale situazione ha provocato un pericolo immaginario nella vittima tanto che pur di salvare il figlio dal minacciato arresto aveva preparato la somma contante di 8.800 euro, in attesa di essere raggiunto dalla donna per la riscossione come anticipato telefonicamente. Effettivamente, dopo poco, si sarebbe presentata a casa della vittima una giovane donna e solo per un caso fortuito si è presentato a far visita all’anziano anche un vero e proprio nipote che entrato in casa incrociava sull’uscio la donna, notando sul tavolo della cucina ingente somma di denaro contante e a questo punto che la donna si sarebbe allontanata velocemente dall’abitazione.

Nel frattempo all’esterno del palazzo i militari dell’Arma e polizia locale di Spoltore stavano identificando il conducente di una Fiat Panda di colore scuro, risultata poi auto a noleggio. Nel corso delle operazioni di identificazione l’uomo sarebbe risultato già noto alle forze dell'ordine, gli operanti hanno notato sopraggiungere da via Roma in direzione della vicina via Bucarest una donna che inseguita a piedi dal nipote della vittima e notata la presenza degli operatori ha attirato l’attenzione indicandola quale autrice di una truffa ai danni dell’anziano zio. La donna, dopo gli opportuni accertamenti e individuazione fotografica, è stata dichiarata in stato di arresto e accompagnata nella casa circondariale di Chieti, l’uomo è stato invece denunciato a piede libero ma entrambi dovranno rispondere di concorso in truffa ai danni di anziano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sventata truffa del falso incidente a danno di un anziano, arrestata ragazza incensurata e denunciato un uomo

IlPescara è in caricamento