menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa online ai danni di 161 persone, in aula decine di vittime dei raggiri

Sotto accusa un'azienda con sede a Popoli. I tre imputati si facevano inviare, tramite bonifico, la somma stabilita come prezzo della merce, che poi non veniva spedita. In due hanno già patteggiato la pena

Prima udienza, al tribunale collegiale di Pescara, del processo sulla truffa compiuta attraverso il portale Internet di un'azienda con sede a Popoli ai danni di 161 persone. Altri due complici dell'imputato hanno già patteggiato la pena. In aula sono sfilate decine di clienti truffati.

Persone che, tra la fine del 2012 e l'inizio del 2013, sono state attirate con annunci pubblicitari sul sito della ditta, che proponeva a prezzi particolarmente convenienti elettrodomestici e altre apparecchiature che in realtà non erano nella sua disponibilità.

I tre si facevano inviare, tramite bonifico, la somma stabilita come prezzo della merce, che poi non veniva spedita. Immediatamente sono iniziate a fioccare le querele dei truffati, che hanno consentito ai carabinieri di scoprire il conto bancario sul quale venivano fatti confluire gli utili, nel quale furono trovati circa 60mila euro.

Sono state acquisite le querele delle parti offese, che poi sono state liberate. Inoltre è stato ascoltato un testimone che acquistò un tablet per 220 euro, ma che non ha mai ricevuto il prodotto. L'udienza è stata aggiornata al 16 luglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento