rotate-mobile
Cronaca Montesilvano

E' ai domiciliari ma continua tranquillamente a spacciare, in carcere un albanese

Brillante operazione anti droga dei Carabinieri di Penne. L’uomo che è stato arrestato dai militari dell’Arma ha 31 anni ed è domiciliato a Montesilvano. 11 persone denunciate, 5 arrestate. Ecco tutti i dettagli

I Carabinieri del Nor di Penne, diretti dal Maggiore Alessandro Albano, coadiuvati dai colleghi dell’Arma competente per territorio, hanno eseguito una misura cautelare della custodia in carcere nei confronti del cittadino Albanese Haxhiraj Ardian, 32enne nato in Albania e domiciliato a Montesilvano, ritenuto responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti aggravata.

L’indagine, avviata nel mese di febbraio, è scaturita a seguito dei quotidiani controlli effettuati nei confronti di giovani dediti all’uso di sostanze stupefacenti, effettuati dalle pattuglie del Radiomobile della Compagnia di Penne, integrati con servizi di osservazione, controllo e pedinamento, che hanno permesso di risalire all’albanese, ritenuto responsabile di numerosi cessioni di sostanze stupefacenti quali hashish e marijuana nei confronti di giovani assuntori, alcuni dei quali minorenni, residenti nell’area vestina e della Val Pescara.

Le indagini hanno permesso di accertare che lo straniero, pur essendo sottoposto agli arresti domiciliari per analoghi reati, ha continuato a spacciare droga. Sono stati sequestrati ulteriori 3 grammi di marijuana e due giovani sono stati segnalati alla Prefettura di Pescara quali assuntori di sostanze stupefacenti. L’attività conclusa dai militari dell'Arma, che è la quarta dall’inizio dell’anno, ha permesso di portare a un totale di 11 persone denunciate a piede libero, 5 persone arrestate e numerose segnalazioni alle prefetture competenti per territorio degli assuntori.

Droga hashish e marijuana

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' ai domiciliari ma continua tranquillamente a spacciare, in carcere un albanese

IlPescara è in caricamento