rotate-mobile
Cronaca

Diffamazione, condannato Pettinari: dovrà risarcire D’Alfonso con 50mila euro

Lo ha deciso il tribunale civile di Pescara. La replica del consigliere regionale M5S: "Oggi è un giorno triste per me, qualcuno ha deciso che chi denuncia deve pagare. Ma io non mi fermerò di certo"

Domenico Pettinari è stato condannato a risarcire l’ex governatore Luciano D’Alfonso con 50mila euro. Lo ha deciso il tribunale civile di Pescara. Contestualmente, Pettinari dovrà anche pagare le spese legali.

D’Alfonso aveva inizialmente chiesto al consigliere regionale del M5S un risarcimento danni di 200mila euro.

"Oggi è un giorno triste per me - ha dichiarato Pettinari - Per aver fatto il mio dovere, per aver messo in luce uno spreco di denaro pubblico milionario da parte della Asl di Pescara e per aver chiesto conto di questo sperpero pubblicamente, dovrò risarcire D’Alfonso perché, chiedendogli lumi su un incauto acquisto da parte della sanità abruzzese, di cui al tempo era anche era commissario ad acta, avrei leso la sua immagine".

Secondo il giudice Marco Bortone, le affermazioni di Pettinari “non appaiono pertinenti allo scopo informativo da conseguire; gli argomenti usati non possono essere considerati mera critica della condotta dell’avversario politico, apparendo invece essere stati mirati soltanto a evocare l’indegnità della sua persona e delle modalità di esercizio delle sue funzioni pubbliche”.

Ma l'esponente pentastellato insiste:

"La mia denuncia ha fatto partire un’inchiesta. Non ho inventato niente. Eppure oggi qualcuno ha deciso che chi denuncia deve pagare. Ma io non mi fermerò di certo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diffamazione, condannato Pettinari: dovrà risarcire D’Alfonso con 50mila euro

IlPescara è in caricamento