Cronaca

Pescara, spaccio e traffico di droga: 11 arresti

Una rete complessa e ben organizzata che riforniva di droga i pusher italiani che spacciano nel pescarese, con al vertice alcuni albanesi che, tramite corrieri e contatti in Albania, facevano arrivare la droga in città

Undici persone sono state arrestate dalla Guardia di Finanza di Chieti nell'ambito dell'operazione "Messenger", che ha permesso di sgominare una rete di traffico e spaccio di droga fra Pescara, l'Albania e il Nord Italia.

Un'indagine partita grazie ad alcuni controlli fatti fra piccoli pusher e consumatori pescaresi, che ha poi consentito di risalire a coloro che gestivano un'organizzazione guidata da alcuni albanesi.

Uno di loro, un 30enne, teneva contatti diretti con connazionali residenti a Milano, che contattavano a loro volta dei corrieri e trafficanti in grado di far arrivare stupefacente, anche in grandi quantità, a Pescara, tramite i mezzi più disparati. Dal treno alle auto a noleggio, al droga arrivava in vittà e poi veniva distribuita ai singoli spacciatori locali che rifornivano la piazza.

Grazie ad alcune intercettazioni sui pc degli spacciatori italiani, che utilizzavano per comunicare il programma "Messenger", l'operazione ha avuto una svolta.

Su un treno sono stati sequestrati 3 kg di eroina, mentre in un appartamento a Montesilvano altri sei kg di droga ed una pistola. Rintracciato anche un latitante albanese che si nascondeva in un appartamento in centro a Pescara, che ha tentato invano la fuga quando le fiamme Gialle lo hanno rintracciato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara, spaccio e traffico di droga: 11 arresti

IlPescara è in caricamento