Pescara, torna dalla Romania per il Natale e si nasconde dalla madre: arrestato latitante

Un 59enne pescarese è stato arrestato dalla squadra mobile dopo essere stato rintracciato in casa della madre per le feste natalizie, dove era tornato dopo essere fuggito in Romania per una pesante condanna

È rientrato dalla Romania per il desiderio di passare le feste natalizie con i suoi cari, ma proprio questa decisione gli è costata il carcere. In manette è finito W.A.C. 59 anni di Pescara, ricercato da tempo per una condanna a 6 anni ed 11 mesi di carcere. Il latitante era riuscito a fuggire in Romania per evitare la detenzione per rapina, estorsione e false dichiarazioni.

Gli agenti della squadra mobile da tempo erano sulle sue tracce, ed avevano scoperto che viveva nel paese dell'est europa continuando però a monitorare i suoi familiari. E proprio a casa della madre l'uomo si era rifugiato, ricavando una stanza nel ripostiglio dove era stato sistemato il letto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sperava dunque di passare inosservato per qualche giorno, con l'intento poi di tornare in Romania ma quando gli agenti hanno fatto irruzione nell'abitazione di via Aldo Moro, nonostante la madre e la zia abbiano negato la presenza di altre persone in casa, è stato comunque individuato ed arrestato. Ora si trova in carcere a San Donato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento