menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedaggio Asse Attrezzato, la Provincia di Pescara chiede aiuto al Governo

La Provincia e gli altri Enti si appelleranno al Governo per impedire l'introduzione del pedaggio sull'Asse Attrezzato. E' quanto deciso dopo l'incontro con l'Anas a Roma

Un appello forte, deciso e soprattutto tempestivo al Ministro Matteoli e a tutto il Governo affinchè sull'Asse Attrezzato Pescara Chieti non venga introdotto il pedaggio.

E' quanto deciso a seguito dell'incontro avvenuto oggi a Roma fra il Presidente Testa ed i rappresentanti degli altri enti coinvolti, e l'Anas, rappresentata dal presidente Ciucci.

Sarà infatti il Governo a dare l'ultima parola decidendo se inserire o meno l'asse viario pescarese, percorso ogni giorno da migliaia di pendolari, nella lista dei tratti a pagamento.

L'Anas, infatti, ha confermato che si atterrà a quanto contenuto nella legge, ed ha fatto sapere di aver già studiato l'eventuale modalità tecnica ed operativa per riscuotere il pedaggio, che verrà pagato in base agli effettivi km percorsi e non in modo forfettario.

In sostanza, il progetto prevede la presenza di Tutor elettronici e satellitari, evitando quindi la presenza di caselli.

"Questi 13 chilometri tra Pescara e Chieti, realizzati 35 anni fa, sono nati come alternativa alla Tiburtina Valeria e ogni giorno vengono percorsi, nel 90 per cento dei casi, da cittadini residenti in questa zona che non possono accettare una nuova tassa" ha ribadito il Presidente Testa.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento