Cronaca

Palpeggia nelle parti intime una ragazza su un bus e la prende a pugni dopo essere stato respinto, uomo di 63 anni arrestato per violenza sessuale

L'arrestato è un cittadino di nazionalità albanese senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale, già conosciuto per aver commesso vari reati contro la persona

Un uomo è stato tratto in arresto dalla polizia a Pescara dopo aver palpeggiato 2 ragazze nelle parti intime su un autobus ieri, mercoledì 6 gennaio.
A richiedere l'intervento dei poliziotti è stato l'autista del mezzo pubblico della Tua che si trovava in via Enzo Ferrari che ha segnalato un'aggressione in corso nei confronti delle 2 giovani.

Gli agenti della squadra volante hanno fermato l’aggressore, poi identificato per un 63enne albanese senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale, già noto alle forze dell'ordine per aver commesso vari reati contro la persona.

I primi accertamenti effettuati hanno permesso agli agenti di ricostruire la vicenda accertando che poco prima l’uomo aveva palpeggiato nelle parti intime una delle due ragazze e, vistosi respinto, l’aveva aggredita prima con pugni e poi cercando di colpirla con una pinza. L’aggressore è stato quindi bloccato da alcuni passeggeri e poi fermato dagli agenti che lo hanno tratto in arresto in flagranza di reato per violenza sessuale. Il soggetto dovrà rispondere all’autorità giudiziaria anche per la resistenza a pubblico ufficiale poiché ha cercato di colpire anche uno dei poliziotti intervenuti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palpeggia nelle parti intime una ragazza su un bus e la prende a pugni dopo essere stato respinto, uomo di 63 anni arrestato per violenza sessuale

IlPescara è in caricamento