rotate-mobile
Montesilvano Montesilvano

Di Costanzo (Pd) sul raddoppio della galleria "I pianacci" della circonvallazione: "Prima il completamento dell'infrastruttura"

Romina Di Costanzo, consigliera comunale del Pd a Montesilvano, ritiene che prima di pensare al raddoppio della galleria si debba completare l'infrastruttura: "La circonvallazione è un'opera incompiuta"

«La circonvallazione è un'opera incompiuta e prima di pensare al raddoppio della galleria "I Pianacci" si pensi al completamento dell'infrastruttura».
A quanto sostiene la consigliera comunale di Montesilvano, Romina Di Costanzo del Pd. 

La Di Costanzo poi ricorda: «Sono trascorsi due anni da quando la nostra mozione, presentata nel marzo 2020 in merito al completamento della variante alla strada statale 16 “Ss 714” e installazione centralina mobile di monitoraggio ambientale inquinanti atmosferici, è stata approvata in consiglio comunale con la delibera del consiglio comunale numero 10 del 04/04/2022 ma i progressi sono ancora indefiniti. La nostra iniziativa non muoveva da opportunismi strategici, ma dalla necessità urgente nel richiedere azioni concrete e immediate, specie alla luce delle nuove opportunità offerte dal piano nazionale di resilienza e ricostruzione su progettualità mirate alla connettività e coesione territoriale».

«Sappiamo che il sindaco, in qualità di presidente della Provincia ha avviato una valutazione delle alternative possibili finalizzate al completamento dell’intervento con uffici tecnici del Comune, tuttavia gli interventi considerati, per un fabbisogno finanziario di oltre 400 milioni, non rispondono così come strutturati alle reali esigenze del territorio», prosegue l'esponente democratica, «l’infrastruttura viaria, percorsa mediamente da oltre 55mila veicoli al giorno, è allo stato attuale incompleta in quanto non risulta collegata efficacemente né con la strada statale 16bis né con la A14 creando gravi ripercussioni sulla viabilità ordinaria. Il completamento della variante alla Ss 16 e l'implementazione di nuovi raccordi rappresentano le priorità assolute per garantire una mobilità efficiente e ridurre l'inquinamento atmosferico, contribuendo così al benessere e alla qualità della vita dei nostri cittadini. Diversamente la realizzazione in prima istanza di un’altra canna che si innesta con la viabilità locale in corrispondenza di via Chiarini, come da 1 lotto di progetto, non risponde affatto all’esigenza di fluidificare il traffico in quanto aggraverà ulteriormente il problema su un tracciato, densamente abitato e già attualmente congestionato, con ulteriori intasamenti che aumenteranno i livelli di inquinamento atmosferico. I rilevamenti effettuati con la centralina mobile dell’Arta avevano confermato in più occasioni la gravità della situazione».

Leggi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Questo aggiunge la Di Costanzo: «È evidente dunque che in via prioritaria, in risposta alle reali esigenze del territorio, prima ancora del raddoppio, su un tracciato che deve necessariamente tener conto con studi approfonditi del contesto idrogeologico e delle falde freatiche sottostanti la collina, per non creare devastazioni ambientali, occorrerebbe garantire la funzionalità di raccordo completando la circonvallazione tra Ss714 con la strada lungofiume in corrispondenza degli svincoli già esistenti, valutando con approfondimenti successivi la soluzione più adatta al raccordo. Tra l’altro l’ipotizzata apertura di un futuro casello autostradale al confine della città non può prescindere dal prolungamento della strada lungofiume che si interrompe all’altezza di via Tamigi e da una sua riconnessione alla circonvallazione. Tale approccio garantirebbe un utilizzo ottimale delle risorse finanziarie, rispondendo così concretamente alle esigenze prioritarie della comunità e a una concreta funzionalità di interconnessione, piuttosto che procedere, come da progetto presentato dalla Provincia, con un primo lotto di raddoppio della cosiddetta galleria “I Pianacci”. Questo non significa che non è necessario realizzare un ulteriore fornice in affiancamento a quello esistente, attualmente percorso in ambo i sensi di marcia ma solo successivamente. In una visione politica orientata alla massima efficacia e responsabilità nella gestione ottimale delle risorse pubbliche e una maggiore coerenza nella pianificazione strategica infrastrutturale in considerazione della Nuova Pescara e anche alla luce dei cambiamenti climatici in atto, è imperativo che le autorità competenti agiscano con la massima prontezza e lungimiranza in questa direzione. E sono certa che il nostro candidato presidente, Luciano D’Amico, saprà affrontare con impegno concreto, coordinato e partecipato, la questione, rispondendo così alle effettive necessità della nostra comunità attraverso infrastrutture di connettività territoriale volte a contenere i livelli di inquinamento da traffico veicolare, a garanzia del benessere dei cittadini e della sostenibilità ambientale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Costanzo (Pd) sul raddoppio della galleria "I pianacci" della circonvallazione: "Prima il completamento dell'infrastruttura"

IlPescara è in caricamento