rotate-mobile
Cronaca Ospedale

Migliorano le condizioni del bimbo che ha ingerito droga

Migliorano le condizioni del bimbo di un anno e otto mesi finito in rianimazione, in coma, all'ospedale di Pescara, dopo aver ingerito cocaina e cannabinoidi

Migliorano le condizioni del bimbo di un anno e otto mesi finito in rianimazione, in coma, all'ospedale di Pescara, dopo aver ingerito cocaina e cannabinoidi. Il piccolo e' stato staccato dal respiratore meccanico e respira in maniera autonoma, ed e' stato stubato dal personale del reparto.

Il recupero e' stato buono, per il piccolo, e la prognosi resta riservata anche se lui si e' svegliato. Nei prossimi giorni sara' anche possibile valutare se quanto accaduto puo', eventualmente, aver provocato danni.

Il bimbo e' stato portato in ospedale dalla madre nel momento in cui la donna, che ha venti anni, si sarebbe accorta che il piccolo aveva ingoiato qualcosa prelevato in strada, in via Tavo, negli spazi del cosiddetto "ferro di cavallo", un edificio popolare dove lo spaccio di droga e' all'ordine del giorno.

Sull'episodio indaga la squadra mobile, che sta lavorando per ricostruire l'accaduto e, a questo scopo, sta ascoltando una serie di persone.

Per gli investigatori aumentano i dubbi su quanto raccontato dalla giovane donna, che quel giorno e' prima andata in carcere a trovare il marito, assieme al figlio, e poi ha raggiunto via Tavo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliorano le condizioni del bimbo che ha ingerito droga

IlPescara è in caricamento