menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luciano Papa (foto tratta dal profilo Facebook)

Luciano Papa (foto tratta dal profilo Facebook)

Morto suicida il titolare dello stabilimento Plinius, si è lanciato dall'11esimo piano

Luciano Papa, 68 anni, è stato un brillante atleta della "Libertas Aterno". Si è tolto la vita lanciandosi dall'undicesimo piano dell'ospedale di Chieti

Tragica fine di un grande uomo di sport. Luciano Papa, ex campione di salto in alto e balneatore pescarese, è morto a 68 anni all'ospedale di Chieti dopo un volo dall'undicesimo piano.
Un biglietto lasciato sul comodino, nel reparto di Medicina generale, non lascia dubbi sul decesso volontario.

L'uomo era ricoverato per problemi polmonari che avevano acuito il suo stato depressivo.

Titolare dello stabilimento "Plinius" sul lungomare nord, è stato un promettente campione di atletica leggera con la "Libertas Aterno" di Augusto D'Agostino, ottenendo il primato di campione nazionale juniores di salto in alto con la misura di 2,15 m. In passato è stato anche promotore del football americano con i Crabs e aveva aperto una palestra in viale Bovio con Pietro Pomponio. È stato l'ultimo atleta al mondo a effettuare il salto in alto in stile ventrale nei campionati Master all'età di 40 anni.

Fu legato sentimentalmente a Patrizia Lombardo, pluricampionessa italiana di corsa a ostacoli, e sposato con Carla Mercurio, pescarese pluripremiata atleta della Nazionale di staffetta. Negli ultimi anni aveva lasciato Pescara per vivere tra Canarie, Cuba e Santo Domingo.
Sulla morte di Papa, la Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo nei confronti del personale medico del reparto, reo di non aver vigilato a dovere sul paziente. Il suicidio è avvenuto ieri mattina dalla finestra del bagno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento