rotate-mobile
Cronaca

Riunione in prefettura per l'accoglienza e la sistemazione dei profughi ucraini

Nel corso del vertice sono state definite le modalità per la prima assistenza sanitaria, oltreché per gli adempimenti concernenti il regolare soggiorno in Italia

Una riunione del comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica per la questione dei profughi in arrivo dall'Ucraina da dove si deve fuggire per la guerra.
È quella che si è tenuta in prefettura presieduta dal prefetto Giancarlo Di Vincenzo.

Hanno preso parte il questore Luigi Liguori, il colonnello dei carabinieri, Riccardo Barbera, il colonnello della guardia di finanza, Antonio Caputo, il comandante della polizia municipale Danilo Palestini, l’arcivescovo Tommaso Valentinetti, il comandante dei vigili del fuoco, Enrico Centi, Ildo Polidoro dell’Asl, l’assessore Eugenio Seccia, il sindaco di Città Sant'Angelo, Matteo Perazzetti, l’assessore Rullo del Comune di Spoltore, Papponetti della Regione Abruzzo, il presidente della Croce Rossa di Pescara, il direttore della Caritas, i rappresentanti del Comune e dell’azienda speciale di Montesilvano, nonchè tecnici della Provincia di Pescara.

Nel corso della riunione è stato fatto un primo punto di situazione sul possibile arrivo in questa provincia di cittadini ucraini. Sono state individuate le prime misure per la loro accoglienza e sistemazione. In particolare, sono state definite le modalità per la prima assistenza sanitaria, oltre che per gli adempimenti concernenti il regolare soggiorno in Italia. Attraverso la rete dei Comuni e con concorso anche della curia e il supporto della Croce Rossa, del volontariato regionale, è stata individuata una prima disponibilità per far fronte a situazioni di emergenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riunione in prefettura per l'accoglienza e la sistemazione dei profughi ucraini

IlPescara è in caricamento