rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024

VIDEO | Presentato il gonfalone della Regione Abruzzo: "Il guerriero di Capestrano supera tutti i campanilismi"

Al museo archeologico nazionale Villa Figerj a Chieti è stato presentato il nuovo simbolo regionale

Un nuovo gonfalone realizzato con l’inserimento con, all’interno dello scudo sannitico, già presente nel vecchio stemma, l’immagine stilizzata del Guerriero di Capestrano, con l’obiettivo di dotare la Regione di un simbolo identitario. 

È stato presentato questa mattina dal presidente del Consiglio regionale abruzzese, Lorenzo Sospiri, affiancato dal presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, l’aggiornamento grafico realizzato dall'artista Mimmo Paladino.

Il poliedrico artista, principale esponente della transavanguardia italiana, infatti è stato scelto come attore principale del percorso di restyling del logo deciso dal Consiglio regionale e approvato all'unanimità.

Nel nuovo gonfalone realizzato dal maestro Paladino compare, per la prima volta, oltre al tradizionale scudo sannitico a tre fasce di colori, una delle figure iconiche dell'Abruzzo: l'effigie della scultura del Guerriero di Capestrano.

L'articolo 2 della Legge dettaglia la nuova composizione grafica dello stemma della Regione Abruzzo composto da uno "Scudo sannitico interzato in sbarra d'argento, di verde e d'azzurro, sul quale è posto il "Guerriero di Capestrano" rappresentato a figura intera, in forma stilizzata. I tre colori rappresentano, nell'ordine, le cime innevate del Gran Sasso, della Maiella, del Sirente, del Velino e dei contrafforti appenninici, i boschi, le colline ed il Mar Adriatico. Al di sopra dello stemma è posta la denominazione "Regione Abruzzo" in lettere maiuscole d'oro. Sotto lo scudo è indicato il motto "Gentivm vel fortissimarvm Italiae" in caratteri maiuscoli".

Il processo che ha portato alla realizzazione del nuovo logo è stato così illustrato dal presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri: "Abbiamo ritenuto che fosse giusto e opportuno inserire, nello stemma composto dai tre colori che contraddistinguono il nostro paesaggio, un simbolo identitario in cui tutti gli abruzzesi potessero riconoscersi. Per guardare al futuro dobbiamo fare richiamo alle nostre radici, alle più lontane, alle più solide. Per questo abbiamo pensato di inserire all'interno del gonfalone della Regione Abruzzo, la figura del Guerriero di Capestrano, il più importante ritrovamento archeologico della nostra regione, risalente al VI secolo, con l'aggiunta di una citazione di Plinio il Vecchio, che dimostra quanto anche molti secoli fa si conoscesse la forza, la determinazione e la capacità degli abruzzesi di rimboccarsi le maniche.

Non conosco un gonfalone istituzionale che non abbia colori inseriti nel nuovo stemma, ovvero il bianco dei monti, il verde delle colline e l'azzurro dei nostri mari; noi abbiamo riproposto quei colori e abbiamo inserito un'immagine dentitaria del nostro Abruzzo, il Guerriero di Capestrano, che racconta come l'Abruzzo sia na Regione d'Europa abitata da un popolo forte, combattente e resiliente".

Parla invece del valore artistico del Guerriero il maestro Mimmo Paladino: "È un'opera ispirante. È qualcosa che ci arriva dal passato e ci arriva anche con un'attualità rispetto l'arte contemporanea. Ha una sensibilità architettonica della forma che è la sintesi della gura umana. Ho pensato di essere nel territorio della grafica comunicativa ma non ascurando questa magia del segno che il Guerriero rappresenta. Secondo la mia sensibilità spetto al segno del passato è un'opera che può competere col David di Michelangelo come archetipo".

Copyright 2024 Citynews

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Presentato il gonfalone della Regione Abruzzo: "Il guerriero di Capestrano supera tutti i campanilismi"

IlPescara è in caricamento