Giovedì, 18 Luglio 2024
mobilità

Brutte notizie: la ferrovia Pescara-Roma è la sesta linea peggiore d'Italia

La linea avrebbe bisogno di investimenti per velocizzare i collegamenti. E' quanto emerge dalla campagna Pendolaria, lanciata da Legambiente con una prima analisi della situazione del trasporto ferroviario pendolare in Italia

Guasti tecnici, ritardi imprecisati, sovraffollamento mettono alla prova ogni giorno quei milioni di cittadini che utilizzano il treno per raggiungere il luogo di lavoro o studio. E mentre cresce ancora l'offerta del servizio ad alta velocita' (+276% dal 2007 sulla Roma-Milano), le condizioni in molti casi continuano a peggiorare per chi si muove sulla rete secondaria, sugli intercity e sui regionali dove invece si sono ridotti i treni (in 15 Regioni) o sono state aumentate le tariffe (in 16 Regioni).

Come ogni anno, all'entrata in vigore dell'orario invernale, Legambiente lancia la campagna Pendolaria, con una prima analisi della situazione del trasporto ferroviario pendolare in Italia e la lista delle 10 peggiori linee, mentre l'analisi puntuale dei finanziamenti e dei processi organizzativi verranno presentati nel rapporto previsto a gennaio 2017. Complessivamente dal 2010 a oggi, a seguito della riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato, si possono stimare tagli nel servizio ferroviario regionale pari al 6,5% e negli intercity del 19,7%.

Solo in pochissime regioni e' aumentato il servizio (il caso migliore e' la Provincia di Bolzano), in tutte le altre e' stato ridotto o e' numericamente rimasto uguale ma con tagli su alcune linee, mentre sono cresciute le tariffe. Non tutti i pendolari sono uguali quindi. Alcuni sono piu' sfortunati di altri. Sono innanzi tutto quelli delle grandi citta', dove i numeri di chi si muove ogni giorno sono enormi, e quelli che tentano di muoversi su linee cosiddette secondarie.

Le dieci linee peggiori indicate da Pendolaria 2016 sono state scelte in base a criteri relativi alla qualita' del servizio, alle proteste degli utenti per i problemi di ritardi e tagli dei treni, alla tipologia dei treni utilizzati sia per capienza sia per eta', alla disponibilita' di orari adatti all'utenza pendolare, alla frequenza dei convogli, alla condizione delle stazioni. Cosi' in un comunicato Legambiente

La Pescara-Roma, al sesto posto, e' una linea su cui pochissimi pendolari oramai prendono il treno malgrado gli spostamenti intensi tra le due Regioni e i tanti centri lungo la direttrice. La ragione? Ogni giorno il numero di pullman e' tre volte quello dei treni, e su gomma si viaggia piu' veloci e piu' comodi con collegamenti che vanno dalla mattina presto alla sera tardi.

La linea avrebbe bisogno di investimenti per velocizzare i collegamenti, visto che solo 15 km su 240 sono a doppio binario. La beffa e' che con il nuovo orario sono stati inseriti alcuni treni Jazz per velocizzare gli spostamenti, ma l'offerta vale solo per quei pendolari che da Pescara vanno verso Roma la mattina e tornano la sera, e non viceversa, e in ogni caso e' meno competitiva del pullman.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brutte notizie: la ferrovia Pescara-Roma è la sesta linea peggiore d'Italia
IlPescara è in caricamento