"Pescara ha memoria", torna l'evento per ricordare il bombardamento del 31 agosto 1943 su Pescara

L'iniziativa è organizzata dall'Anpi Pescara in collaborazione con Fiab Pescarabici per ricordare quella dramamtica giornata

Lunedì 31 agosto si terrà l'evento "Pescara ha memoria" organizzato dall'Anpi Pescara in collaborazione con Fiab Pescarabici, e patrocinato dalla Provincia di Pescara. L'iniziativa punta a ricordare il 31 agosto 1943 quando Pescara fu bombardata dagli Alleati, un momento drammatico per la città che provocò danni incalcolabili e migliaia di vittime.

Si ripercorreranno con la memoria i momenti che scandirono il martirio della Città, iniziando alle ore 20:00 davanti Madonnina ai piedi del ponte del mare per arrivare alla lapide che ricorda i bombardamenti del 1943 ed i caduti e poi in piazza sacro cuore dove
Mario Massari reciterà alcuni testi di testimonianze vissute. Non si terrà la consueta pedalata della memoria a causa delle restrizioni per il Coronavirus.

Per le due associazioni, è fondamentale aprire e mantenere un dialogo con le amministrazioni locali, al fine di superare barriere idelogiche e politiche per ricordare momenti ed eventi che hanno segnato la storia della città:

È ferma convinzione delle due associazioni che nessuna comunità debba dividersi su argomenti che attengono alla memoria collettiva, soprattutto se i fatti da ricordare rappresentano un tratto identitario dell’intera comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Carenza di vitamina D: 10 alimenti per integrarla e rafforzare il sistema immunitario

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

Torna su
IlPescara è in caricamento