rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Economia

Piano Spiaggia, dubbi e proposte da Confesercenti e Cna

I balneatori di Confesercenti e della Cna sollevano alcuni dubbi sul Piano Spiaggia che l'amministrazione comunale intende far approvare dal consiglio comunale. "No all'aumento delle volumetrie"

Dubbi e perplessità da parte dei balneatori della Cna e di Confesercenti, in merito alla questione del Piano Spiaggia che l'amministrazione comunale intende far approvare dal Consiglio Comunale.

Da un lato, i balneatori di Confesercenti sono i più scettici rispetto al documento, parlando di un piano che rischia di agevolare solo i grandi imprenditori del mare, per penalizzare invece i piccoli e medi balneatori che hanno attività a sostanziale conduzione familiare.

"Alla fine del 2015 siamo stati chiamati non solo dalla Giunta, ma anche dalla maggioranza di centrosinistra a presentare le osservazioni alla bozza di delibera ma senza alcuna comunicazione né spiegazione, nessuna delle nostre osservazioni è stata accolta: ci chiediamo se siano state almeno lette. Le “novità” introdotte dalla proposta di Piano non affrontano le problematiche vere delle concessioni, che nella maggior parte dei casi sono gestite da piccole e medie aziende familiari alle quali il Piano riserva solo nuovi vincoli burocratici ed economici, limitazioni, ulteriori gravami. Basti pensare all’aumento di volumetria del 30%, del quale potranno beneficiare solo in pochi, mentre si impongo nuovi divieti a Pescara Sud dove, grazie ai richiami finali, a ridosso della Pineta Dannunziana si vieterà la ricettività e si prevede addirittura di smantellare la carreggiata" dichiarano La Torre e Troisi della Fiba.

Dall'altro, invece, i balneatori della Cna sono più morbidi, e parlano di un piano spiaggia sostanzialmente condivisibile senza però che vengano compresi gli aumenti delle volumetrie del 25% dove il responsabile Tomei si trova d'accordo con la Confesercenti in quanto la norma favorirà di fatto solo i grandi stabilimenti.

Per i balneatori della Cna," il piano spiaggia della più importante città abruzzese avrebbe potuto rappresentare l’occasione, se affrontato assieme ai grandi problemi del nostro mare, come l’inquinamento dei fiumi e l’erosione delle spiagge, per ridare slancio alla nostra offerta turistica estiva. In questo senso, alcune recenti scelte della Regione, contenute nel Masterplan, muovono nella giusta direzione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano Spiaggia, dubbi e proposte da Confesercenti e Cna

IlPescara è in caricamento