menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Artigianato in Abruzzo, Cna: "Timidi segnali di ripresa"

Segnali timidi di ripresa per l'economia regionale in Abruzzo. E' quanto emerge dai dati divulgati dal Cna in merito al rapporto fra le cancellazioni e le nuove iscrizioni delle imprese artigianali

"Timidi segnali di ripresa per l'economia regionale". E' quanto afferma la Cna Abruzzo, che stamane ha presentato i dati statistici riguardanti la cancellazione delle imprese artigianali e le nuove iscrizioni.

Alla conferenza stampa erano presenti anche il Presidente Lupo ed il direttore Di Costanzo.

Il dato regionale mostra un andamento non omogeneo sul territorio abruzzese, con un aumento delle iscrizioni soprattutto nell'aquilano, ed un dato particolarmente negativo per quanto riguarda la provincia di Chieti.

Fra gennaio e marzo di quest'anno - dice la ricerca - il rallentamento del processo di cancellazione delle imprese artigiane, che nello stesso periodo del 2009 era apparso inarrestabile (con -488 unità) diventa meno netto: -170, ovvero quasi un terzo della performance negativa di inizio 2009.

Risultati soddisfacenti, secondo l'analisi della Cna nel territorio pescarese: nei primi tre mesi dell'anno, il saldo tra iscrizioni e cancellazioni di imprese artigiane ha raggiunto il segno positivo (+8), a fronte l'anno precedente di un segno negativo dieci volte maggiore. Risultato a parte, in negativo, quello della provincia di Chieti, peggiore addirittura rispetto all'anno precedente.

Molte delle misure annunciate dal governo regionale, in ordine ai fondi di derivazione comunitaria, oppure al cosiddetto "Masterplan", a gli stessi fondi destinati alla ricostruzione post-sisma dell'Aquila sono rimasti purtroppo, ancora e solo sulla carta, ha detto il direttore Di Costanzo. Il vero problema delle piccole imprese, in questa fase, è una rapida iniezione di liquidità nella propria attività

Pre il Presidente Italo Lupo, invece, nel dato abruzzese non ci sono motivi per essere granchè soddisfatti: «Siamo al limite fisiologico nella caduta del numero delle imprese, oltre questo c'è il baratro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento