Economia

Abruzzo, prestiti alle imprese artigiane in calo del 7,3%

Confartigianato ha diffuso i dati relativi al credito erogato nel mese di settembre 2016 alle imprese artigiane abruzzesi. Calano sensibilmente le liquidità messe a disposizione. Di Tecco: "Non siamo più disposti ad attendere altro tempo"

Dato negativo per l'Abruzzo sul credito erogato alle imprese artigiane. Confartigianato, infatti, ha diffuso i dati relativi al settembre 2016, che mostrano un calo di liquidità pari al 7,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Ma non è tutto: l'Abruzzo si piazza al terzultimo posto in Italia, seguito solo da Umbria e Marche. In termini numerici, i prestiti sono calati di 74 milioni di euro.

CROLLA IL CREDITO ALLE IMPRESE

A livello provinciale, il calo è significativo nel chietino (13,6%) mentre nel pescarese è appena dell'1%, un dato che posiziona la nostra provincia al terzo posto assoluto a livello nazionale. “Sono passati ormai tre anni dall’insediamento della Giunta D’Alfonso – e fino ad ora non abbiamo ricevuto risposte né sulla proroga per l’utilizzo dei fondi della vecchia programmazione né sulla nuova. Il tema dell’accesso al credito è di vitale importanza, soprattutto per le micro e piccole imprese. Non siamo più disposti ad attendere altro tempo e la buona volontà del vicepresidente della Giunta, Giovanni Lolli, non è sufficiente: vogliamo risposte immediate altrimenti convocheremo presto lo stato di agitazione della categoria”, ha dichiarato il presidente regionale di Confartigianato Abruzzo, Luca Di Tecco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abruzzo, prestiti alle imprese artigiane in calo del 7,3%

IlPescara è in caricamento