Idv: "In Abruzzo tolleranza zero su tutti i fronti" Murgo: "Pescara non vuole cambiare"

L'Italia dei Valori e la lista "Pescara a cinque stelle" commentano i risultati elettorali e fanno un bilancio della situazione. Mascitelli, Idv, promette tolleranza zero su legalità e cattiva politica, Murgo dichiara: "Pescara non è pronta per il cambiamento"

A due giorni dalle elezioni amministrative a Pescara ed in Abruzzo, l'Italia dei Valori, l'unico partito di opposizione ad aver ottenuto un successo, e la lista dei grillini "Pescara a cinque stelle", commentano i risultati elettorali in città e nella regione, dove c'è stato un trionfo senza precedenti da parte del centrodestra.

Il senatore Mascitelli, coordinatore regionale dell'Italia dei Valori, in un comunicato stampa fa sapere che l'IdV prende atto della dura sconfitta che l'opposizione ha avuto in Abruzzo, ma è estremamente soddisfatto del risultato ottenuto dal partito sul territorio, che ha raddoppiato i voti rispetto alle precedenti elezioni ed in diversi comuni è il primo partito di opposizione al PDL.

"La sonora sconfitta ricevuta a livello di coalizione non è da attribuire solo alla tendenza regionale verso il centrodestra. Le colpe, soprattutto nei partiti sconfitti, come il PD, sono da attribuire ad errori di programma e scelte discutibili nel modo di fare politica. Ci vuole umiltà e consapevolezza per iniziare una stagione di tolleranza zero su legalità, risposte ai cittadini, cattiva amministrazione e corruzione." ha detto Mascitelli. "L'IdV è pronta alla sfida, combatterà le chiacchiere in favore dei fatti per risolvere i problemi gravi dei cittadini"

Molto diversa la reazione invece di Stefano Murgo della lista "Pescara a cinque stelle" degli Amici di Beppe Grillo.

"Pescara non è pronta ad un vero cambiamento per quanto riguarda la politica e la gestione della città. Il risultato elettorale, che ci vede arretrare rispetto alle precedenti consultazioni, ci rattrista ma andremo avanti con le poche risorse e spazi che abbiamo a disposizione in questa città. In altre realtà, come Ancona e Bologna, i risultati positivi ci danno la forza di andare avanti e sperare che presto i pescaresi possano svegliarsi e capire che qualcosa va radicalmente cambiato" dichiara Murgo

"La politica del centrodestra, che amministrerà per cinque anni Regione, Provincia e Comune ci spaventa in modo particolare: ci aspettano anni di cementificazione, con la reale possibilità che in Abruzzo il potere non abbia alcun controllo ed opposizione forte, soprattutto in virtù della sconfitta del PD e del centrosinistra"


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento