rotate-mobile
Elezioni comunali 2014

Comunali, Serraiocco: "Creare una soggettività bancaria pescarese"

Il candidato sindaco Vincenzo Serraiocco ha accettato di rispondere ad alcune domande che IlPescara.it ha voluto rivolgergli

Perchè ha deciso di scendere in campo e candidarsi per diventare sindaco di Pescara?

Ritengo che la passione, nel caso specifico l'amore per la mia città, abbia imposto alla mia parte 'razionale' di valutare e concretizzare un impegno in prima persona, mettendoci la faccia, affinché possano tornare opportunità e sorrisi sul territorio comunale.

Quali sono i punti principali del suo programma?

Il mio programma non ha punti principali ma ha un principio ben definito: nei primi 180 giorni di Governo della città, abolizione del pagamento della sosta presso i parcheggi comunali e ampliamento del pronto soccorso, parimenti lavorare per la creazione di una soggettività bancaria pescarese.

Quali sono secondo lei le principali problematiche da risolvere in città?

Tutte quelle criticità quotidiane, dal tombino che si allega al sollecito di pagamento non dovuto, la cui insoddisfazione ha determinato nel tempo la sfiducia nei confronti della politica. 

Se dovesse essere eletto, quale sarà il primo provvedimento che intende mettere in atto?

Un autoprovvedimento: devolvere l'intero mio emolumento alle associazioni di volontariato del territorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, Serraiocco: "Creare una soggettività bancaria pescarese"

IlPescara è in caricamento