Come affittare un locale commerciale a Pescara

Sul fronte adempimenti, la Legge ne impone diversi e determinati a entrambe le parti

Come affittare un locale commerciale a Pescara? Le regole, che sono valide ovunque, si applicano su due fronti: locatario e locatore. Ad ogni modo, chi ha un immobile a uso commerciale, dovrà dapprima mettere degli annunci online o anche cartacei, tra cui quelli direttamente sulla vetrina del negozio. Chi è alla ricerca di un locale commerciale, dovrà visionare le zone interessate e controllare sul web le possibili offerte.

Sul fronte adempimenti, la Legge ne impone diversi e determinati a entrambe le parti.

Contratto d’affitto di un locale commerciale

Un contratto commerciale d’affitto è diverso da quello che prevede la locazione di una casa a uso abitativo. Gli elementi essenziali di questo contratto sono:

  • oggetto del contratto – specificare le finalità di utilizzo commerciale, superficie, beni presenti nell’immobile, data di consegna e rispetto delle norme urbanistiche;
  • durata del contratto;
  • importo del canone d’affitto commerciale;
  • destinazione dei locali oggetto del contratto commerciale;
  • eventuali riparazioni e interventi di ordinaria manutenzione;
  • se consentire o meno la sublocazione dei locali;
  • eventuale divieto di lavori nel locale, anche se di migliorie, a meno che non siano approvate prima dal locatore;
  • deposito cauzionale;
  • esonero di responsabilità e diritto di accesso ai locali;
  • spese di registrazione del contratto;
  • modifiche eventuali;
  • indicazioni del Foro competente, in caso di bisogno.

Prima di firmare

L’affittuario dovrà innanzitutto visionare i locali e verificare che ci siano tutte le condizioni per avviare la sua attività. Prima di firmare il contratto, va fatto l’inventario dei beni interni e consegnati al locatario. Dopo aver raggiunto l’accordo, l’affittuario dovrà versare la cauzione al proprietario. 

Quanto dura il contratto d’affitto commerciale 

Un contratto di natura commerciale dura 6 anni e si rinnova tacitamente per altri 6. Se non c’è il desiderio di rinnovare nuovamente, il locatore potrà legittimare la sua idea inviando un preavviso di almeno 12 mesi, nel quale dovrà specificare una motivazione concentra (aprire per sé una attività commerciale o vuole farlo per la sua famiglia). Nell’anno successivo non dovrà aver aperto un’attività simile o identica a quella dell’affittuario, altrimenti l'accordo potrà essere ripristinato.

Per evitare che il locatore sfrutti a suo vantaggio quanto già fatto dall'inquilino, nel caso in cui decide di recedere anticipatamente dal contratto, gli deve corrispondere 19-21 mensilità, il doppio se la nuova attività è simile a quella del precedente imprenditore.

Adempimenti fiscali e spese

Tra gli adempimenti fiscali ci sono ci sono l’Iva, la registrazione del contratto (1% del canone di affitto annuale), i diritti e il bollo. Il locatore, inoltre, dovrà pagare le tasse sugli immobili, mentre il locatario si occuperà delle bollette di luce, gas e acqua e altre utenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

Torna su
IlPescara è in caricamento