menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, la raccolta differenziata raggiunge quasi il 50% a Pescara

Dal 28 per cento del 2013 arriva a sfiorare il 50 per cento la raccolta differenziata in città nei primi due mesi del 2019

La raccolta differenziata dei rifiuti a Pescara è quasi raddoppiata dal 2014 a oggi.
A farlo sapere sono il sindaco Marco Alessandrini, l'assessore all'Igiene Urbana Paola Marchegiani e l'amministratore unico di Attiva (la società che si occupa della gestione del servizio) Massimo Papa

Dal 28 per cento del 2013 arriva a sfiorare il 50 per cento la raccolta differenziata in città nei primi due mesi del 2019.

«L’andamento della differenziata ci rende orgogliosi», fa sapere l’amministratore Unico Massimo Papa, «all’inizio delle operazioni eravamo al 28 per cento, oggi siamo arrivati al 46,3 per cento, con alcune punte di eccellenza nella nostra città, dove raggiungiamo anche il 70 per cento, ad esempio nella zona della Pineta. La media di tutto è confortante. Siamo inoltre arrivati a coprire il 70 per cento di superficie cittadina con il porta a porta, la parte carente è il centro dove stiamo però intervenendo con un’operazione di mantenimento del decoro: in via Fabrizi abbiamo già sostituito tutti i cassonetti da 3.200 litri, rimpiazzati con dei nuovi che completando la batteria dei contenitori della differenziata che così è possibile anche in strada, sono più fruibili e mobili, più piccoli, meno appariscenti e facili da pulire».

Da lunedì prossimo entreranno anche in azione due squadre addette a mantenere il decoro dalle ore 7 alle 19, supportate da mezzi con cui terranno pulita la città continuamente. Agiranno in tre macro zone, a nord, centro e sud per la raccolta dei cumuli e degli ingombranti che vengono abbandonati nei contenitori impropriamente; per il cambio dei cestini con conseguente pulizia dell’area sottostante e con la dotazione di idropulitrice e solvente per pulire tutte le piazzole su cui sono collocati i cassonetti e dove restano residui di tutti i tipi.

Previste anche azioni di sensibilizzazione sulla differenziazione del rifiuto, sui costi dell'abbandono, su come si differenzia, sulle deiezioni canine con anche la distribuzione di locandine fra negozi e locali per fare presa su chi sporca strade e marciapiedi. In pista anche una compostiera in legno che verrà donata alla fine dell’intervento, un mercatino del riuso interno alla scuola dove fare pratica e un laboratorio per l’utilizzo di una stampante in tre D che dimostrerà praticamente come da un rifiuto in plastica si possano ricavare degli oggetti utili per la scuola e gli studenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento