Economia

Nuovo dragaggio al porto turistico di Pescara per 5mila metri cubi di materiale

Questa volta verranno rimossi 5mila metri cubi di di sedimenti marini per il ripristino delle batimetrie

Nuovi lavori di dragaggio al porto turistico "Marina di Pescara" a distanza di un mese dal precedente intervento. 
Questa volta verranno rimossi 5mila metri cubi di di sedimenti marini per il ripristino delle batimetrie.

A eseguire i lavori all'interno del porto sarà la società Inmare di Termoli.

 A partire da ieri, venerdì 12 luglio, e fino al termine dei lavori, gli specchi acquei dell’imboccatura e del bacino del porto turistico saranno interessati da operazioni di movimentazione di sedimenti marini per il ripristino delle batimetrie. Durante l'esecuzione dei lavori gli specchi acquei interessati dalle operazioni per un raggio di 30 metri dall'unità nautica impegnata nelle operazioni, sono interdetti alla navigazione, alla sosta, al transito, ed a tutti i pubblici usi del mare.

I comandanti delle unità navali in navigazione in porto dovranno:

  • navigare con la massima cautela procedendo alla minima velocità di governo e ponendo la massima attenzione ad eventuali segnalazioni ottico - acustiche emesse dalle unità impegnate nei lavori;
  • mantenersi al di fuori delle aree impegnate dalla Motonave che esegue le operazioni.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo dragaggio al porto turistico di Pescara per 5mila metri cubi di materiale

IlPescara è in caricamento