rotate-mobile
Lunedì, 11 Dicembre 2023
Salute

Torna in città la campagna di prevenzione dell’udito Nonno Ascoltami

Nei presidi, accessibili al pubblico dalle ore 10 alle ore 18, vengono effettuate attività di prevenzione e soprattutto di informazione sui corretti stili di vita per conservare la salute dell’udito

Anche quest’anno torna l’appuntamento con la campagna di prevenzione dell’udito Nonno Ascoltami. L’evento è partito il 24 settembre e proseguirà con 5 appuntamenti consecutivi e arriverà anche a Pescara.

In città la campagna di prevenzione Nonno Ascoltami! – L’ospedale in piazza” si svolgerà in piazza della Rinascita domenica 15 ottobre.

Nei presidi, accessibili al pubblico dalle ore 10 alle ore 18, vengono effettuate attività di prevenzione e soprattutto di informazione sui corretti stili di vita per conservare la salute dell’udito.

Medici specialisti, professionisti sanitari e volontari saranno a disposizione dei cittadini per aiutarli a conoscere meglio questo importante senso, l’udito, per prendersene cura nel modo giusto.

La diminuita capacità di sentire impatta profondamente nella vita delle persone che perdono la capacità di comunicare con gli altri e nei bambini ritarda la capacità di sviluppare il linguaggio. Ciò provoca frustrazione e isolamento sociale soprattutto negli anziani. Secondo l’Oms oltre un miliardo e mezzo di persone convivono con una qualche forma di disabilità uditiva (430 milioni in forma invalidante). Cifra che potrebbe salire a oltre 2 miliardi e mezzo nel 2050 (di cui oltre 700 milioni in forma invalidante). Negli ultimi anni l’allarme maggiore riguarda la sempre crescente esposizione al rumore, soprattutto negli ambienti ricreativi. Ciò ha portato l’Oms a prevedere che oltre un miliardo di giovani nel mondo potrebbe essere a rischio di perdita dell’udito a causa di abitudini di ascolto non sicure. Diagnosi precoce e programmi educativi sono armi fondamentali, tanto che l’Oms stima che il 50% dei casi di ipoacusia potrebbe essere prevenuto attraverso misure di sanità pubblica.

I dati della salute uditiva. In Italia sono oltre 7 milioni le persone con problemi di udito, corrispondenti al 12,1% della popolazione, una persona su tre (tra gli over 65). Solo il 31% della popolazione ha effettuato un controllo dell'udito negli ultimi 5 anni, mentre il 54% non l'ha mai fatto.

Solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso, dichiari migliorata la propria qualità di vita.

Al livello mondiale, l’Oms stima che circa il 5% della popolazione “convive” con una perdita uditiva e si prevede che circa una persona su quattro entro il 2050 sperimenterà una forma di diminuzione dell’udito (pari a quasi 2,5 miliardi di persone in tutto il mondo).

«È per questo - spiega Valentina Faricelli, presidente di Udito Italia Onlus - che da quattordici anni siamo impegnati in campagne di informazione, educazione e responsabilizzazione dei cittadini per diffondere l’importanza della prevenzione dei disturbi uditivi, avvicinando la sanità alla gente».

«Negli ultimi anni i disturbi uditivi sono in preoccupante aumento e il tema è ormai all’attenzione dei governi mondiali - aggiunge Mauro Menzietti, fondatore della Onlus -. L’Oms ha istituito un apposito organismo, a Ginevra, per monitorare e incoraggiare politiche attive di prevenzione e cura dei disturbi uditivi. Questo organismo è il World Hearing Forum di cui anche Udito Italia è membro».

La campagna gode del patrocinio del Ministero della Salute e della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ha ottenuto il riconoscimento della Presidenza della Repubblica.  Inoltre, Udito Italia diffonde ufficialmente in Italia le raccomandazioni dell’Oms in tema di salute uditiva ed è inserita, quale rappresentante italiano, nel Comitato Centrale del World Hearing Forum, organo istituito all’interno dell’Oms e che riunisce i maggiori esperti mondiali di salute uditiva.

Tornano Nonno Smart e Nonno Express. Computer, smartphone, app, social network: oggi anche per i nonni è sempre più importante essere in rete. I “digital volunteer” Ibm durante le domeniche di Nonno Ascoltami! metteranno a disposizione la propria competenza per trasformare la tecnologia in un compagno utile ed affidabile per la terza età. Sempre in piazza sarà diffusa la guida all’Udito, disponibile in versione digitale anche sul sito www.uditoitalia.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna in città la campagna di prevenzione dell’udito Nonno Ascoltami

IlPescara è in caricamento