Gli stampi da forno in silicone sono pericolosi per la salute?

Le garanzie sulla sicurezza degli stampi in silicone sono aumentate

Oltre a quelli metallici, in commercio ci sono anche gli stampi da forno in silicone. Ne esistono di ogni formato e sono spesso abbelliti da forme particolari e colori brillanti e accesi. Ma sono davvero sicuri? Alcuni studi hanno evidenziato che, in determinati casi, sono pericolosi, quindi è importante capire come sceglierli e utilizzarli al meglio e, soprattutto, quando buttarli per evitare che siano davvero dannosi.

Il test di Altroconsumo

Altroconsumo ha testato, nel 2007, un campione di 19 stampi da forno in silicone, sottoponendoli a una temperatura di 200°C e verificando la presenza di una eventuale migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti o di una eventuale perdita di peso da parte dello stampo stesso. 

Sui 19 stampi analizzati, su 16 si è verificata una migrazione di sostanze dal silicone agli alimenti durante la prima cottura, mentre alla terza cottura tutti gli stampi non rilasciavano più sostanze. Al contrario, solo 3 stampi su 19 non hanno raggiunto l’idoneità nella prova del peso.

Il silicone in cucina è pericoloso? 6 consigli da seguire

Ad oggi le garanzie sulla sicurezza degli stampi in silicone sono aumentate, perché le aziende produttrici sottopongono ad alte temperature i loro prodotti prima della messa in vendita, così da assicurare l'eliminazione di qualsiasi sostanza volatile che possa contaminare gli alimenti.

Tuttavia è sempre bene fare dei test autonomamente prima di utilizzare questi prodotti per la cottura dei propri piatti.

Per essere più sicuri dell’utilizzo del silicone alimentare in cucina, basta adottare alcune facili precauzioni. Di seguito un elenco di 6 consigli da seguire per ridurre i rischi:

verificare sempre la provenienza dello stampo e la presenza del marchio Ce sul prodotto, che assicura la conformità alla normativa europea;

preferire stampi da forno e utensili realizzati in silicone platinico;

in fase di acquisto, testare sempre il materiale, deformandolo con le mani per qualche minuto: se si creano delle crepe o si notano variazioni di colore, meglio non acquistarlo, potrebbe essere indice di scarsa qualità;

scaldare gli stampi ad alte temperature prima di utilizzarli per cuocere gli alimenti;

lavare accuratamente così da ridurre sensibilmente i rischi di migrazione di sostanze tossiche;

evitare di far entrare in contatto gli stampi da forno con sostanze aggressive (detergenti, lame, oggetti appuntiti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Morto Ivan Vaccaro, insieme ai fratelli gestiva Tortuga e Megà: aveva solo 30 anni

  • Chiude la storica palestra Living dopo 37 anni: "Abbiamo lottato ma comunichiamo la fine della nostra Asd"

  • Morto suicida in carcere Sabatino Trotta, il dirigente della Asl era stato arrestato per presunta corruzione

  • Tragedia a Spoltore, giovane di 23 anni trovato senza vita [FOTO]

  • Giovane trovato morto a Spoltore: la ricostruzione dei carabinieri

Torna su
IlPescara è in caricamento