Giardino

Coltivare una lattuga dai suoi scarti: ecco come fare

La propagazione avviene anche per talea

Fresca e perfetta per ogni pasto, la lattuga è tra le protagoniste della dieta mediterranea. Del cespo, però, si butta solitamente via la parte finale, quella dura e bianca. Eppure da questo scarto è possibile generare un’altra lattuga.

Vediamo come coltivare una lattuga dai suoi scarti per ottenerne un’altra e un’altra ancora, all’infinito.

Cosa serve?

Di solito chi coltiva la lattuga usa i semi, ma la propagazione avviene anche per talea. Quello di cui abbiamo bisogno è la parte finale del cespo di lattuga, quella che solitamente finisce nell’umido, e tagliare via la parte inferiore di circa 3 cm, così da avere una base.

Poi sarà necessaria una ciotola di medie dimensioni in cui immergere la lattuga, mettere l’acqua per circa 1 centimetro e mettere il contenitore vicino a una finestra ma dentro casa. La ciotola deve essere collocata in un posto luminoso ma non ai raggi diretti del sole. Bisogna ricordarsi di sostituire l’acqua ogni giorno.

Come coltivare un avocado in casa

Appuntate la data di inizio, perché dopo circa 15 giorni, si noteranno le prime radici e le prime foglioline: bisognerà rimuovere le più esterne, senza intaccare le radici, e poi trapiantare la lattuga in un vaso rotondo contenente hummus e torba. Interrare e riempire il vaso con il terriccio. Innaffiare e posizionare la lattuga al sole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltivare una lattuga dai suoi scarti: ecco come fare

IlPescara è in caricamento