È tempo di noci, nocciole e mandorle: la frutta secca fa ingrassare?

Regina incontrastata delle tavole invernali e natalizie, la frutta secca è un must per concludere un lauto pranzo, un bel cenone o anche semplicemente per stuzzicare tra un pasto e un altro

Regina incontrastata delle tavole invernali e natalizie, la frutta secca è un must per concludere un lauto pranzo, un bel cenone o anche semplicemente per stuzzicare tra un pasto e un altro. Il punto è: la frutta secca fa ingrassare?

Ogni volta che un cibo è particolarmente buono, bisogna fare i conti con le calorie, e tra noci, anarcardi, pistacchi, mandorle, nocciole e tanto altro, basta poco per raggiungere l’apporto calorico di un pasto completo.

E se le calorie sono tante, allora fa ingrassare. Sì, il ragionamento è corretto, ma non è propriamente vero.

Anche il cioccolato è un alleato per il corpo, ma abusandone si finisce per prendere peso e dire addio alla propria silhouette. Quello che vogliamo dirvi è che l’eccesso è sempre sbagliato, ma consumando la giusta dose, si potrà beneficare di uno o più effetti positivi.  

Noci, pistacchi, nocciole, mandorle, anacardi, pistacchi e pinoli sono ricchi di preziosi nutrienti che favoriscono il peso forma. Sono ideali come snack e anche all’interno di insalate e zuppe, in quanto assecondano il senso di sazietà.

Frutta secca: le proprietà

Tra i nutrienti che troviamo nella frutta secca ci sono magnesio e potassio, che contrastano cellulite, ritenzione idrica e pelle a buccia d’arancia. Ci sono tanti grassi buoni, in particolar modo Omega 3 e Omega 6 all’interno di noci, pistacchi, mandorle e pinoli, che sono estremamente utili per la salute del cuore.

Calorie della frutta secca

Sì, la frutta secca è calorica: 100 grammi equivalgono all’incirca a 600 calorie, praticamente un pasto completo. Come sempre, dunque, l’eccesso non giova a nessuno. Conviene mangiarne poche, magari proprio nel momento in cui si avverte il fastidiosissimo attacco di fame.

Naturale o salata: quale mangiare?

Meglio quella naturale, con la pellicina, perché contiene fibre e ha proprietà anti-ossidanti. Evitare, invece, quella salata, o comunque limitarne l’uso, perché è golosissima ma non è un’alleata della linea.

Come mangiare la frutta secca e quando

Si può mangiare da sola o insieme ad altri alimenti, ad esempio nell’insalata. Conviene mangiarla come spuntino, quindi a metà mattina o pomeriggio o per fare colazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta il suicidio dal viadotto Cerrano della A14: chiusa al traffico l'autostrada, code e disagi

  • Montesilvano si mobilita con una colletta per aiutare la piccola Francesca

  • All'ospedale di Pescara è nato Filippo, il secondo figlio di Alessandro Di Battista [FOTO]

  • Minaccia il suicidio dal viadotto Cerrano della A14: salvato giovane di Pianella, gli aggiornamenti

  • Meteo, ultime ore di caldo ed afa anche in Abruzzo e nel Pescarese: le previsioni

  • Sette migranti positivi nel cas di Moscufo, la rabbia di Sospiri: "Ora tamponi a tutti gli abitanti del paese"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento