Acerbo alla destra: "Pensate ai veri problemi della città, non ai senegalesi"

Riallacciandosi a quanto dichiarato anche da Erika Alessandrini (M5S), l'ex consigliere comunale ricorda che il mercatino nell'area di risulta "nacque all'epoca della giunta di Carlo Pace"

Non si spengono le polemiche sul mercatino etnico, con la politica pescarese che continua a dividersi tra favorevoli e contrari. Maurizio Acerbo, ex consigliere comunale di Rifondazione Comunista, parla di "una vicenda tragicomica e paradossale".

Riallacciandosi, infatti, a quanto dichiarato anche da Erika Alessandrini (M5S), Acerbo ricorda che il mercatino nell'area di risulta "nacque all'epoca della giunta di Carlo Pace con Nino Sospiri presidente del consiglio comunale":

"La ragione - afferma Acerbo - fu quella di evitare che troppi ambulanti circolassero davanti ai negozi o si fermassero sulle strade del centro e la riviera. Le loro merci le vendevano lungo il corridoio che dalla stazione conduce a Corso Umberto. Poi i senegalesi furono spostati dall'assessore Moreno Di Pietrantonio in un'area marginale dell'area di risulta senza accorgersi che non era del Comune ma delle Fs. Per tutta la durata delle amministrazioni di centrodestra - prima Pace e poi Mascia - il mercatino non è mai stato sgomberato. A sgomberarlo ci ha pensato l'amministrazione Pd senza nemmeno provvedere una parallela sistemazione altrove".

Acerbo, dunque, ritiene "ridicolo" che la destra "debba riaprire la guerra per fare campagna elettorale sulla pelle dei senegalesi":

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La minaccia di chiudere un mercatino appena inaugurato è assolutamente insensata. Comprendo che Lorenzo Sospiri sia stato con lo sgombero scavalcato a destra da Alessandrini e dal Pd, ma invece di fare l'imitazione di Salvini (lascerei il mestiere a Forconi) farebbe bene a ricordare la saggezza dello zio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento