Danni e furti negli stabilimenti balneari, il Sib si riunisce per adottare provvedimenti

Lunedì 9 marzo i balneatori di Montesilvano si confronteranno per affrontare il problema. Padovano: "Il Comune deve venirci incontro cominciando dall'espansione dell'illuminazione pubblica verso la spiaggia".

Una serie ripetuta di furti e saccheggi nelle cantine e nei frigoriferi dei ristoranti sul mare, tutti con la stessa tecnica. Rotti gli infissi che danno sul retro, i ladri puntano subito sul registratore di cassa alla ricerca di denaro contante, per poi passare ad altri beni materiali (computer, telefoni e attrezzi da lavoro) ed infine al cibo e alle bevande. E' successo nel giro di poche settimane in diversi stabilimenti balneari di Montesilvano e di Pescara.

Su viale Aldo Moro, i lidi "Voglia di Mare", "Brigantino", "Conchiglia Azzurra" e "Il Faro" sono stati visitati da ignoti saccheggiatori durante le ore notturne. Sul lungomare Matteotti, invece, a farne le spese sono stati i titolari degli chalet "Nettuno", "Il Moro", "Saturno" e "Plinius".

LADRI IN DUE STABILIMENTI A MONTESILVANO

Si pensa che ad agire siano sempre gli stessi autori del primo furto, avvenuto nella concessione di Riccardo Padovano, presidente del Sib (Sindacato Italiano Balneari), vittima di seri danni alla struttura, oltre alla sottrazione di stecche di sigarette, provviste alimentari e fondo cassa.

"Situazione ormai insostenibile che non accenna ad arrestarsi. Per questo abbiamo deciso di prendere di petto la questione ed ho convocato una riunione per lunedì 9 marzo allo stabilimento Bagni Bruno con tutti i balneatori montesilvanesi. Presenteremo una serie di proposte all'amministrazione comunale che appare intenzionata ad ascoltarci e a collaborare. Si potrebbe partire dall'illuminazione pubblica, con fasci di luce a led indirizzati verso la spiaggia. Anche l'eliminazione delle siepi a margine del marciapiede garantirebbe maggiore visibilità, impedendo ad eventuali complici di nascondersi e fare da sentinelle durante le azioni di scasso. Per quanto ci riguarda, vedremo come fare per poterci garantire un servizio di vigilanza privata oltre a rivedere alcune clausole contrattuali delle polizze assicurative.

Qualche collega vorrebbe tornare alle origini, quando negli anni '70 si dormiva all'interno dello stabilimento ma oggi è un rischio per l'incolumità di chi vuole fare il custode nella propria attività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte delle indagini, è probabile che ad agire siano stati soggetti in bicicletta e in alcuni casi potrebbe essere stato un solo individuo a perpetrare il furto. All'incontro di lunedì verrà affrontato anche l'argomento Coronavirus che sta causando danni economici rilevanti. Molti hanno disdetto le prenotazioni per la festa della donna ed arrivano le prime cancellazioni per Pasqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento