Degrado, disservizi e freddo polare alla Stazione Centrale

Federconsumatori Abruzzo interviene sullo stato di degrado cronico che interessa la Stazione Centrale di Pescara, dove sono diversi i disservizi segnalati da anni e mai risolti

Perdite d'acqua dal soffitto in caso di piogge, freddo polare e disservizi tecnici cronici. Federconsumatori Abruzzo interviene in merito allo stato di degrado della stazione centrale di Pescara, dove pendolari e turisti ogni giorno sono costretti ad affrontare partenze ed arrivi in condizioni spesso difficili.

"Da anni, dopo ogni pioggia, l'atrio dell'ex nuova stazione ferroviaria viene invasa da secchi gialli e blu, collocati per tentare di raccogliere l'acqua piovana. Una famiglia normale se è costretta a subire l'acqua piovana dentro casa fa riparare il tetto. I Responsabili di Centostazioni riempiono di secchi l'atrio della stazione di Pescara, e li corredano di piccole sagome gialle per avvisare i passeggeri di non scivolare. Un ulteriore grave problema che debbono subire i passeggeri della stazione di Pescara centrale è determinato dalla pessima temperatura esistente nell'unico spazio destinato all'attesa dei treni: l'atrio della stazione. Al punto che durante l'inverno la temperatura esterna alla stazione è superiore a quella interna" ha dichiarato Federconsumatori, aggiungendo che spesso le scale mobili sono fuori servizio o interrompono il funzionamento mentre i passeggeri la stanno percorrendo, causando disagi e perdite di tempo deleterie.

STAZIONE CENTRALE, TERRA DI DISPERATI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dovunque i sottopassaggi servono per accompagnare i viaggiatori verso l'uscita; a Pescara no: due dei tre sottopassaggi esistenti sono infatti utilizzabili solo per spostarsi da un binario all'altro. Con la conseguenza che, da anni, moltissimi passeggeri sono costretti a risalire le scale, dopo averle scese convinti di poter raggiungere l'uscita. Una volta risaliti sul piano dei binari, debbono mettersi alla ricerca del sottopassaggio giusto per uscire dalla stazione (una semplice scritta: NO USCITA presso i sottopassaggi trabocchetto aiuterebbe moltissimo ad evitare i disagi ai passeggeri)"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Coronavirus, sette nuovi contagi accertati in Abruzzo: tre sono nel Pescarese

  • Coronavirus, tornano a salire i nuovi casi in Abruzzo: sei nelle ultime 24 ore, i dati aggiornati

  • Addio a Donna Tina, la regina delle pizzette tonde pescaresi [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento