Scoperto maxi deposito di merce contraffatta: sequestrati articoli per 650 mila euro

Nuovo duro colpo al mercato del falso nel pescarese e lungo la costa adriatica. La Guardia di Finanza ha scoperto un deposito di prodotti taroccati a Civitanova Marche, di proprietà di un senegalese di Montesilvano

Un deposito di merce falsa del valore di 650 mila euro. Importante operazione della Guardia di Finanza di Pescara che ha stanato due locali utilizzati da un senegalese residente a Montesilvano, in località Civitanova Marche. Qui, sono stati trovati migliaia di prodotti con false griffe: dalle borse, ai portafogli, fino alle cinture e capi d'abbigliamento.

MONTESILVANO, SEQUESTRATI 1.000 PRODOTTI CONTRAFFATTI

Il senegalese era seguito da tempo ed era già stato fermato con un migliaio di capi falsi in un piccolo appartamento di Montesilvano, dove si rifornivano molti suoi connazionali per la vendita sul territorio. Le indagini però non si sono fermate, ed i finanzieri lo hanno bloccato a Civitanova dove si recava ogni giorno per vendere la merce prelevata dai due depositi sul lungomare. Sequestrate anche migliaia di etichette false.

VIDEO| LE IMMAGINI DELL'OPERAZIONE

L'obiettivo delle Fiamme Gialle, che hanno sequestrato in pochi mesi oltre 100 capi taroccati, è di interrompere l'intera filiera illecita, dall'ambulante fino al produttore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • La ristoratrice pescarese Marilena Di Stilio del locale "La Pecora Nera" si lancia nel mondo dei film per adulti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento