rotate-mobile

VIDEO | Premio nazionale Paolo Borsellino, il 23 maggio gli studenti di Pescara ricordano la strage di Capaci

Una giornata interamente dedicata alla condivisione delle buone pratiche didattiche sulla legalità, in piazza della Rinascita. Il questore Carlo Solimene precisa: "in questi cinque mesi ho avuto modo di constatare che questa comunità è molto collaborativa e noi saremo sempre accanto ai cittadini"

Una giornata interamente dedicata ai ragazzi quella del 23 maggio, a Pescara, in piazza della Rinascita, in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, in cui morirono il magistrato antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. I dettagli delle iniziative realizzate quest’anno dagli organizzatori del Premio nazionale Paolo Borsellino sono stati illustrati, venerdì 17 maggio, nella sala conferenze del reparto Prevenzione crimine Abruzzo della Questura di Pescara.

Tra i presenti c’erano il Questore Carlo Solimene, Luigi Savina, Garante del premio e già vice capo della polizia di stato, Graziano Fabrizi, coordinatore del premio, e il sindaco Carlo Masci.

Giovedì 23 maggio gli studenti delle scuole superiori e medie del territorio della provincia di Pescara saranno presenti in piazza della Rinascita, per ricordare la figura di Giovanni Falcone e tutte le vittime di mafia. Nel corso della mattinata, dalle 10.30 alle 13.00, presenteranno i loro lavori incentrati sulla legalità. Secondo quanto precisato da Fabrizi, gli alunni condivideranno le buone pratiche didattiche che hanno approfondito a scuola.

Dalle 16 alle 19, sempre in piazza della Rinascita, si esibiranno varie band di ragazzi dei vari istituti scolastici e dalle 19 alle 20 ci sarà la performance dell’artista Piersante, che proporrà il suo brano, dal titolo: “22 maggio”. Altre iniziative si svolgeranno, nella stessa giornata, all’Aquila, a Teramo e a Tortoreto. Al Pala Dean Martin di Montesilvano, alle 21.00, concerto di piano solo per Giovanni e Paolo, a cura di Maria Gabriella Castiglione.

«In Abruzzo è stato rinnovato l’impegno per mantenere altissima l’attenzione su una data del genere, con l’obiettivo di avvicinare sempre di più i ragazzi a un percorso di legalità», ha sottolineato il Questore Carlo Solimene.

Copyright 2024 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento