Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Cerimonia in memoria dell’ex questore di Fiume Giovanni Palatucci

Inaugurata una targa in memoria di Palatucci in piazza Italia alla presenza delle autorità civili e militari

 

Cerimonia in piazza Italia a Pescara questa mattina, martedì 9 febbraio, per la commemorazione dell’ex questore di Fiume, Giovanni Palatucci, morto il 10 febbraio 1945, nel campo di concentramento di Dachau, Medaglia d’Oro al Merito Civile e riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei.

Nel giardino antistante il palazzo antistante il governo è stata piantato un ulivo e svelata una targa in marmo alla sua memoria.

A organizzare la manifestazione è stata la polizia di Stato con il questore Luigi Liguori che l'ha presieduta ricordando le gesta del valoroso funzionario che, nel suo ruolo, ebbe modo di conoscere l'impatto che le leggi razziali ebbero sulla popolazione ebraica. Il funzionario di polizia cercò di fare quello che la sua posizione gli permetteva, creando, attraverso una rete di amici, una strada per salvare tanti ebrei dai campi di sterminio. In una lettera ai genitori scrisse: «Ho la possibilità di fare un po’ di bene, e i beneficiati da me sono assai riconoscenti. Nel complesso riscontro molte simpatie. Di me non ho altro di speciale da comunicare».

Il questore ha evidenziato che l’albero di ulivo e la targa in ricordo di Giovanni Palatucci richiamano alla memoria gli alti valori del funzionario di polizia che ha sacrificato la propria vita per salvarne altre. Pertanto le sue azioni possono essere ritenute antesignane della Polizia di prossimità e costituiscono un esempio da seguire. Presente alla cerimonia, Abramo Rossi, 97enne residente a Pescara, accompagnato dalla moglie, uno degli ultimi testimoni ancora in vita dell’Olocausto, che, quando era un giovane carabiniere, fu deportato e posto ai lavori forzati in una fonderia in Austria, imprigionato dalle truppe tedesche per 19 mesi.

Sono intervenuti anche il prefetto Giancarlo Di Vincenzo e il sindaco Carlo Masci che ha messo a disposizione lo spazio del giardino dove è stato piantato un albero di ulivo, “simbolo di rinascita”, donando altresì la targa in ricordo della giornata commemorativa dedicata a Giovanni Palatucci. Liguori e il Sindaco Carlo Masci hanno simbolicamente interrato l’albero di ulivo e scoperta la targa. Dopo la benedizione, la cerimonia è terminata con l’esecuzione dell’inno del silenzio suonato dal maestro Marco Vignali.

Copyright 2021 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPescara è in caricamento