rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024

VIDEO | Sciopero Cgil, a Pescara le addette alla mensa dell'ospedale di Atri: "Nonostante gli stipendi non pagati lavoriamo per coscienza"

Risposte loro tramite la Filcams Cgil Teramo le chiedono all'assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì: da ottobre nessun pagamento, ma il servizio non è stato ridotto per il bene dei malati. "Così non si può andare avanti", dice una di loro con il sindacato che si prepara alla protesta a oltranza

Le lavoratrici di Atri dipendenti della Pap srl che effettua il servizio mensa negli ospedali sono scese in piazza oggi per chiedere il pagamento degli stipendi che da tre mesi non arrivano. Ad annunciare l'adesione allo sciopero della Cigl era stata la Filcams Cgil Teramo che risposte sul tema le chiede direttamente all'assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì su quanto sta accadendo con l'appalto pubblico del servizio.

A parlare è la signora Anna che spiega come in realtà la situazione andrebbe avanti ormai da sei anni con il sindacato che a sua volta aveva fatto sapere che proprio a garanzia dei pazienti il servizio non sarebbe stato ridotto sebbene si sarebbe potuto procedere ad erogarlo al minimo come previsto dalla legge. Una situazione che riguarderebbe anche il servizio mensa negli asili, spiega la dipendente sottolineando che nonostante la difficile situazione “andiamo a lavorare puntualmente ogni giorno con le nostre responsabilità, ma non si può andare avanti così”. Sul perché dei ritardi dice che risposte non ne sarebbero arrivate. Le chiediamo quindi come si può andare a lavorare nelle condizioni attuali: “lo vorrei sapere come si può lavorare senza essere pagati al di là dei problemi sulla sicurezza che è inesistente. Nessuno ci dà risposte e solo la Cgil se ne sta occupando. I direttori delle Asl, i sindaci: nessuno si interessa perché tanto noi – aggiunge – il servizio lo diamo perché abbiamo una coscienza”.

La Filcams Cgil nei giorni scorsi ha chiesto che gli accrediti degli stipendi arrivino entro domani e cioè entro il 16 dicembre, altrimenti la protesta proseguirà con altri sit-in il giorno della vigilia e quello di Natale e così si andrà avanti finché la situazione non sarà risolta.

Copyright 2022 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento