rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022

VIDEO | In piazza contro il governo Draghi, Felice (Partito comunista): "Invia armi, ma taglia la sanità e impoverisce i deboli"

La protesta questa mattina davanti alla Madonnina per dire no alla guerra e ai rincari: "E' il peggiore di sempre, il 21 giugno auspichiamo si voti contro l'invio di nuove armi in Ucraina, ma sappiamo che non succederà, sono tutti dalla sua parte"

“Vogliamo costruire un'unità popolare contro questo governo e questa classe politica che ci sta rendendo più poveri. Non è una questione di appartenenza politica, insieme a Alternativa, Riconquistare l'Italia, Azione civile, Risorgimento Sscialista e comitato No Draghi e tante organizzazioni e sigle presenti oltre ad aver ricostituito un gruppo parlamentare al sensato abbiamo intrapreso questo percorso comune per creare una coscienza popolare contro il governo”.

A dirlo è Antonio Felice, segretario regionale del Partito comunista che si fa portavoce di tutti quelli che oggi hanno aderito alla protesta contro il governo Draghi. Protesta nazionale che a Pescara si tenuta davanti alla Madonnina e che, nelle intenzioni di chi oggi è sceso in piazza ha come obiettivo quello di “unire tutto il popolo contro questo governo che è il peggiore della Repubblica italiana”, aggiunge Felice . Un coro unanime per dire no alla guerra, all'invio delle armi e ai rincari. “Sta elargendo soldi per le armi però taglia continuamente la sanità, non dà più soldi alle scuole e cosi via. Abbiamo un rincaro sulle materie prime, l'aumento di benzina e gas e tante altre cose che impoveriscono le classi deboli della società – prosegue il segretario regionale del Partito comunista -, mentre le classi borghesi e più ricche approfittano per arricchirsi anche di più prendendo soldi con la garanzia dello Stato come è successo con la Stellantis, l'ex Fiat”.

Il 21 giugno in Senato si tornerà a votare per l'invio di armi in Ucraina e “se veramente ci sono forze che vogliono dirsi contro questo governo e rimarcare il non invio di nuove armi, mi riferisco al Movimento 5 Stelle, si può fare una scelta semplice: votare contro la fiducia a Draghi e aprire una crisi di governo, ma sicuramente non verrà fatto perché i 5 Stelle sono sulle stesse posizioni del governo e appoggiano tutto quello che propone. Abbiamo un parlamento schierato con una maggioranza che va da FdI a Sinistra italiana, non c'è opposizione tranne la nostra, cosa ci possiamo aspettare?”, conclude Felice.

Copyright 2022 Citynews

Video popolari

VIDEO | In piazza contro il governo Draghi, Felice (Partito comunista): "Invia armi, ma taglia la sanità e impoverisce i deboli"

IlPescara è in caricamento