Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche i parrucchieri di Pescara accendono le luci in segno di protesta: "Ci hanno tolto la dignità, vogliamo riaprire" - VIDEO -

 

Luci e vetrine accese anche per i parrucchieri e le parrucchiere di Pescara per protestare contro la chiusura prolungata delle loro attività che, in base al decreto del Governo che entrerà in vigore il 4 maggio, prevede la riapertura di questo genere di attività, assieme ai centri estetici, il primo giugno.

Come spiegano due parrucchiere storiche pescaresi, Simona Franceschelli e Sonia Macrini, tre mesi di chiusura sono una penalizzazione inaccettabile:

"Ci hanno tolto la dignità, la possibilità di lavorare anche in sicurezza per i clienti e per la nostra salute, trattandoci come l'ultima ruota del carro senza alcuna giustificazione reale. Siamo pronte a mettere in atto qualsiasi protocollo, andremo a chiedere delucidazioni e direttive anche al dottor Parruti dell'ospedale di Pescara. Se non si rispettano le regole è giusto farci chiudere, ma devono darci modo di poter ripartire senza sosta"

Anche Pasquale D'Angelo, titolare di un negozio di parrucchiere in via D'Avalos, si dice pronto a ripartire con l'attività in attesa di avere il via libera, sempre nella massima sicurezza. La più grande paura, dopo tre mesi di stop considerando l'attuale termine del primo giugno, è quello di non ritrovare le clienti fisse ed abituali che c'erano prima del lockdown.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPescara è in caricamento