rotate-mobile

VIDEO | Entro un anno e mezzo quattro nuovi asili nido per 220 bambini: presentati i progetti, tutto pronto per gli affidamenti

Sono quelli di via Santina Campana, via della Fornace Bizzarri, via Lago Isoletta e via Rubicone, soddisfatti il sindaco Carlo Masci e il vicesindaco Gianni Santilli per il completamento degli iter e le strutture innovative che saranno realizzate con quasi 7 milioni di euro di fondi pnrr

Quattro nuovi asili nido per un totale di 220 posti per i bambini di Pescara, ma che una volta nata la Nuova Pescara saranno a disposizione di tutti i residenti della città metropolitana. Una risposta importante “per i genitori che lavorano e hanno bisogno di servizi adeguati all'infanzia”.

A dirlo il sindaco Carlo Masci che insieme al vicesindaco Gianni Santilli, il dirigente Giuliano Rossi e i progettisti dei nuovi quattro plessi, ha presentato ufficialmente alla stampa le nuove strutture che saranno realizzate con 6 milioni 888mila 891 euro di fondi pnrr (piano di ripresa nazionale e resilienza) con una previsione di fine lavori che non sarà di oltre un anno e mezzo.

Si è già molto avanti per gli appalti. Per l'asilo di via Santina Campana che è stato a lungo oggetto di contestazioni da parte dei residenti, ma non di ricorsi, ci sono già tre ditte pronte a realizzarlo, mentre giovedì 11 maggio si saprà in quanti hanno risposto al bando per l'asilo nido di via Lago Isoletta. Partito anche l'invito alle ditte per l'altro asilo contestato e che un iter giudiziario lo ha imboccato, quello di via della Fornace Bizzarri con l'ultimo, quello di via Rubicone, per cui a ore si partirà con la procedura.

Con i 220 posti in più a frequentare gli asili comunali saranno circa 500 bambini residenti (250 quelli che frequentano quelli già esistenti). A loro disposizione ci saranno però ambienti nuovi e innovativi. “Realizzeremo quattro plessi all'avanguardia con tecniche innovative – afferma infatti Masci -. C'è stata molta cura dell'estetica. Ci sarà molto verde e saranno utilizzati molti materiali ecosostenibili ed ecocompatibili. Pescara avrà un'offerta di fascia molto alta”.

La vicenda dell'asilo di via della Fornace Bizzarri

A queste nuove strutture sottolinea Santilli, “l'amministrazione teneva in modo particolare. Abbiamo avuto qualche piccolo problema in via della Fornace Bizzarri dove i residenti hanno avanzato il ricorso al Tar (Tribunale regionale amministrativo), ma il consiglio di Stato ci ha dato l'ok per poter andare avanti e costruire questo bellissimo asilo”.

Una struttura a farfalla di cui IlPescara ha già parlato, ma su cui pende in realtà ancora il giudizio di merito del consiglio che comunque con un'ordinanza ha ribaltato la sospensiva decisa dal Tar facendo sì che si potesse andare avanti nel rispetto dei tempi del pnrr che prevedono di appaltare entro e non oltre il 31 maggio. Chiediamo quindi al sindaco cosa dà all'amministrazione la sicurezza che dopo l'udienza del 20 luglio nel corso della quale tutte le contestazioni sollevate dal comitato cittadino saranno discusse, non possa accadere l'inaspettato: “basta leggere l'ordinanza del consiglio di Stato che ha chiaramente detto che il nostro iter amministrativo era perfetto e che ha tenuto conto di tutte le situazioni legate alla norma vigente - risponde -. Credo che possiamo davvero essere tranquilli da questo punto di vista”.

“È chiaro che a noi dispiace dover scontentare qualche cittadino che aveva un'aspettativa diversa rispetto ad un'area che era destinata dal piano regolatore e non da noi, ma da chi ci ha preceduto anche in relazione all'accordo fatto per costruire quelle case dove abitano le persone che contestano, a strutture e servizi per il cittadino. Abbiamo comunque detto che non toglieremo un albero – torna a ribadire Masci –: gli unici due che devono essere tolti saranno espiantati e ripiantati intorno all'asilo”.

L'occasione anche per Santilli per confermare che la parola data sarà mantenuta: “abbiamo promesso ai residenti che a fianco ci sarà un'altra area verde e quindi creeremo un altro piccolo parco per dare la possibilità ai bambini del quartiere di frequentarlo”.

I nuovi asili e la Nuova Pescara

Tornando agli affidamenti dei lavori il vicesindaco precisa che “entro dieci giorni avremo tute e quattro le ditte pronte per partire” e che le nuove strutture guardano alla Nuova Pescara. “Questa è una cosa molto importante – conclude -. Questi quattro asili, tenendo conto di quello che succederà tra qualche anno, ci permetteranno di accontentare anche Spoltore e Montesilvano: il nostro regolamento attuale prevede che possano frequentarli solo i residenti, ma con la nuova realtà metropolitana saremo una grande città e tutti avranno libero accesso”.

Copyright 2023 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento