Lunedì, 15 Luglio 2024

VIDEO | Filovia, Tua: "Entro l'anno l'avvio del servizio, per l'estate la richiesta di autorizzazione"

Le precisazioni arrivano dal direttore della Tua Spa (azienda di trasporto abruzzese) Maxmilian Di Pasquale, che intende inviare la presentazione della domanda all'autorità competente entro l'estate. L'avvio ufficiale dipende quindi dai tempi di rilascio dell'autorizzazione.

Spesso La Verde, ossia la filovia al centro del dibattito politico ormai da oltre trent’anni, percorre l’ex tracciato ferroviario, meglio noto come strada parco. Sul mezzo, a basso impatto ambientale, non ci sono passeggeri, perché non è ancora entrato in funzione. Se tutto procederà senza ulteriori intoppi, l’avvio del passaggio ufficiale, avverrà entro la fine di quest’anno, quindi per il 2025. A confermarlo è il direttore generale della Tua Spa Maxmilian Di Pasquale, a margine della presentazione del bilancio dell’azienda di trasporto abruzzese, avvenuta a Pescara venerdì 5 luglio. 

«Il nostro obiettivo è quello di chiedere, entro l’estate, la domanda di apertura all’esercizio, che verrà poi valutata da Ansfisa (Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali). L’avvio dipenderà, quindi, dai tempi per il rilascio dell’autorizzazione richiesta, quindi dal ministero», dice Di Pasquale. «Entro il 2025, mi auguro, che la filovia entrerà in funzione». Un termine che i vertici di Tua e l’amministrazione comunale sperano di poter anticipare.

Nel frattempo il comune ha predisposto un’ordinanza, in cui si autorizza il transito, sul percorso principale della strada parco, esclusivamente ai mezzi elettrificati. Pedoni e ciclisti devono transitare sul percorso laterale, altrimenti rischiano di essere multati. Il sindaco Carlo Masci, rispondendo alle ultime affermazioni rilasciate in merito dal consigliere Domenico Pettinari, precisa: «era il 16 ottobre 2002 quando l'allora sindaco di Pescara, Carlo Pace, firmò l'ordinanza per vietare la circolazione di tutti i veicoli su via Castellamare e per aprire alla circolazione delle bici la pista ciclabile. Già da allora era tutto chiarissimo, quindi. E cioè, le due ruote avrebbero dovuto muoversi sulla pista ciclabile. Per i pedoni, invece, ci sono i marciapiedi, e d'altronde è il Codice della strada a dire che i pedoni devono circolare al di fuori della carreggiata stradale. L'ultima ordinanza del Comune, firmata nei giorni scorsi, non aggiunge e non toglie nulla per ciò che riguarda i ciclisti e consente il transito dei mezzi della Tua su via Castellamare Adriatico, con l'apposizione della relativa segnaletica».

Il primo cittadino sottolinea: «tutto ciò che si sta facendo, voglio ribadirlo ancora una volta a chi si agita e fa solo confusione, fa parte di un percorso chiarissimo e trasparentissimo, quello legato al transito esclusivo dei filoveicoli del trasporto pubblico locale (Tpl) elettrificati con tecnologia innovativa a zero impatto ambientale: non c'è alcun mistero su questo, a Pescara se ne parla da decenni, la giustizia amministrativa si è pronunciata e le procedure per la filovia sono andate avanti e continueranno ad andare avanti fino all'attivazione del servizio di trasporto pubblico».

Copyright 2024 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento