Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I gestori dei locali in piazza Muzii accendono le luci e riconsegnano le chiavi al sindaco: "Impossibile andare avanti" [VIDEO]

 

Hanno deciso di accendere vetrine e luci per attirare l'attenzione su uno dei settori più importanti dell'economia cittadina, che rischia di venire spazzato dalla crisi generata dall'emergenza Coronavirus. Sono oltre 40 i locali della movida in Piazza Muzii e nelle vie limitrofe che questa sera, 28 aprile, si sono ritrovati davanti ai negozi per lanciare un grido d'allarme come i parrucchieri ed i titolari degli stabilimenti balneari. Domani in segno di protesta raccoglieranno le chiavi dei locali e le riconsegneranno al sindaco.

A parlare è il titolare della pizzeria Caracciolo Antonio Aprile, che spiega come questo sia il momento più difficile da quando ha aperto l'attività 26 anni fa, sottolineando come le condizioni imposte per la fase 2 di fatto siano improponibili per i locali della zona, con uno sconforto e disagio mai visti. Presente in piazza Muzii anche l'assessore Cremonese come segno di solidarietà.

"Basta chiacchiere e promesse, servono risposte. Dai ministri agli assessori promettono, ma in sostanza non c'è nulla. Solo i 600 euro, come per il caffè o la caramella che si danno ai ragazzini"

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPescara è in caricamento