rotate-mobile

VIDEO | Pomilio Blumm inaugura la Cittadella sulla riviera sud: parte da qui la sfida del polo di innovazione e creatività

Taglio del nastro per la nuova sede della nota agenzia di comunicazione Pescarese che vive un anno di sfide importanti e successi con il G7 alle porte. Un luogo dove lavoro e creatività viaggiano di pari passo con l'obiettivo di dare vita a una nuova concezione del lavoro stesso in cui al centro ci sia la qualità della vita con l'arte a fare da cornice

Inaugurata la Cittadella Pomilio lungo la riviera sud, un luogo, sottolinea il presidente Franco Pomilio che nasce dall'idea che il lavoro è qualcosa di connesso alla qualità della vita, dell'ambiente e “per ceti versi anche all'arte che si trova alle pareti o sta nel progetto architettonico”. Tutto questo, aggiunge “fa parte proprio della qualità del lavoro, della qualità delle idee. Un'idea completamente diversa di città e posto di lavoro”.

Il primo importante passo verso l'ambiziosa sfida lanciata dalla stessa agenzia di comunicazione Pescarese nell'anno del G7: creare proprio lì un “nuovo Aurum” con un investimento di circa 10 milioni di euro grazie al progetto realizzato dall’architetto tedesco Hans Kollhoff, padre della iconica Kollhoff Tower di Berlino.

Aurum che ospiterà proprio l'appuntamento con i ministri degli esteri del G7. Sede che era proprio quella dell'antica fabbrica della famiglia Pomilio e che dice “come una fabbrica abbia i connotati culturali, estetici e architettonici per ospitare un evento di tale prestigio. Questo significa – continua il presidente della Pomilio Blumm - che immaginare posti di lavoro come luoghi nobili fa parte di una civiltà del saper fare e immaginare che deve esserci soprattutto in industrie creative come la nostra”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un anno di grandi appuntamenti per l'agenzia che già l'anno scorso, ricorda, ha avviato “con l'università di Maastricht, una delle migliori in Europa, questo progetto legato alla comunicazione sociale e istituzionale delle comunità. Il rapporto cittadini-istituzioni è oggi un mercato in esplosione dal punto di vista delle opportunità di lavoro e degli skills di nuova generazione che si vanno a configurare”. Parlando della Cittadella rimarca quindi come il progetto che “atterra a Pescara è una grandissima opportunità per tutti coloro che hanno l'idea di fare un corso molto operativo e molto pratico per conoscere a fondo una serie di discipline che si connettono tra di loro e che possono davvero essere una nuova opportunità per il futuro”. Sì perché quella di Pomilio vuole anche essere una sorta di scuola per talenti.

In occasione del taglio del nastro nell'agorà interna, pensata per abbinare la creazione di spazi di lavoro a un concetto ampio di living, si sono ritrovati rappresentanti delle Istituzioni regionali, dell'imprenditoria e della società civile. Tra gli ospiti il presidente dell'associazione della stampa estera Maarten Van Aalderen che conta 450 corrispondenti da tutto il mondo e l'architetto Nicola Di Battista. 

Hanno partecipato all'inaugurazione il presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, il sindaco uscente e ricandidato Carlo Masci, il candidato sindaco  del centrosinistra Carlo Costantini, il commissario per la ricostruzione di Ischia, Giovanni Legnini, il procuratore capo di Pescara, Giuseppe Bellelli, il vice Annarita Mantini, il presidente del tribunale, Angelo Bozza, la candidata alle europee Antonella Ballone, l'ex sottosegretario Federica Chiavaroli, il presidente dell'Aca, Giovanna Brandelli, il presidente di Proger, Umberto Sgambati, il direttore di Confindustria Medio Adriatico, Luigi Di Giosaffatte, oltre imprenditori e rappresentanti delle associazioni.

Copyright 2024 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento