rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024

VIDEO | Femminicidio: ora è un movente, la sentenza che ha segnato la svolta

A raccontarla oggi in occasione del convegno organizzato dall'assessorato alle politiche sociali è stata l'avvocato Marina Prosperi: ad emetterla la corte d'assiste di Bologna che, per la prima volta, ha messo nero su bianco il "Movente femminicida, dando atto che esiste un genere che esprime violenza su un altro genere"

Una sentenza storica che per la prima volta ha riconosciuto il movente femminicida e che oggi è stata protagonista nel convegno organizzato nell'ambito delle iniziative promosse dall'assessorato alle politiche sociali per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

La sentenza è stata emessa dalla corte d'assise di Bologna a fine 2021 e a raccontare quell'esperienza è l'avvocato civilista Marina Prosperi che ha assistito i fratelli, le sorelle, i figli e i genitori di una donna uccisa dall'ex compagno nel 2019 proprio nella provincia emiliana e il cui corpo ha poi bruciato dopo averlo nascosto in un casolare abbandonato.

Una storia orribile che però, con la sentenza, ha segnato una svolta nella giurisprudenza. “Un passo particolare – spiega a IlPescara Prosperi – in quanto si è data una valorizzazione a questa violenza facendola rientrare in un ambito diverso rispetto alla violenza tout-court affermando la barbara predominanza maschile nei confronti del genere femminile. Una evoluzione importante – aggiunge – perché il tribunale e la giurisprudenza di solito fanno fatica a stare al passo con i tempi. Il giudice – conclude Prosperi - ha recepito un dato e cioè che c'è un genere che esprime violenza nei confronti di un altro genere”. Una sentenza, insomma, destinata a fare scuola.

Copyright 2022 Citynews

Video popolari

VIDEO | Femminicidio: ora è un movente, la sentenza che ha segnato la svolta

IlPescara è in caricamento