rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022

VIDEO | Elezioni politiche, D'Alfonso e Fina: "Niente paracadutati da Roma, batteremo Fratelli d'Italia"

I due capolista rispettivamente alla Camera e il Senato della lista "Italia democratica e progressista" si presentano insieme a tutti gli altri candidati parlando di programmi e obiettivi da raggiungere e D'Alfonso di abruzzesi in parlamento ne vuole due

Se il senatore del Partito democratico Luciano D'Alfonso capolista di “Italia democratica e progressista” questa volta alla Camera vuole centrare l'obiettivo di portare in Abruzzo due eletti, lui e la candidata di Teramo Stefania Di Paola, il segretario regionale del Pd Michele Fina punta a fare della lista che guida al Senato, la prima d'Abruzzo e d'Italia. Per entrambi i nomi messi in campo sono quelli del territorio dove non compaiono “paracadutati alla Marsilio”. “L'insieme di Pd, Partito socialista, Demos e articolo 1 può vincere contro Fratelli d'Italia – afferma Fina -. Abbiamo voluto rappresentare un Abruzzo degli abruzzesi non quello dei catapultati da Roma come è lo stesso Marsilio”.

Questi i punti chiave dei temi che intende portare avanti Fina con gli altri candidati e i tanti che sosteranno la campagna elettorale: “no allo stravolgimento costituzionale per mandare a casa Sergio Mattarella e cambiare i connotati della Repubblica; no alle centrali nucleari sul territorio, all'autonomia differenziata e la flat tax che tengono i soldi a nord prendendo dal sud, a partire dall'Abruzzo, quelli della sanità, dei trasporti e della sicurezza. Invece sì – aggiunge – ad un lavoro più giusto ed equo soprattutto per le giovani generazioni, sì alla tutela dell'ambiente che è tutela della salute a partire dalle risorse idriche, sì alla centralità della cultura” e grande attenzione ai fondi europei. “insomma – conclude l'attuale segretario regionale – un programma che guardi alla nostra regione e la iscriva tra le priorità del parlamento”.

“Io sono uno dei pochi parlamentari che 54 mesi fa era candidato capolista al senato e 54 mesi dopo è confermato capolista alla Camera – afferma D'Alfonso -. Sono a debito con il partito perché per la seconda volta vengo scelto come capolista ed è diciamo una candidatura assolutamente che rende certa la mia capacità di lavoro domani a Roma”. Una presenza quella nella capitale che si è tradotta, spiega, in oltre 3mila ore di ascolto frontale e 7 norme approvate dall'Abruzzo e su questo sfida chiunque a trovare un parlamentare che abbia saputo fare di più.

“Credo di aver portato a casa notevoli risultati riconosciuti da tutti – sottolinea -. L'ultimo grande risultato è quello della riforma giustizia tributaria grazie alla quale se un contribuente si sente leso da un accertamento ha diritto di fare reclamo”. Il capolista alla camera in vista del voto del 25 settembre ripercorre quindi quanto fatto affermando di avere intenzione di portare il progetto della Nuova Pescara anche a Teramo, L'Aquila, Chieti ed Avezzano “perché il territorio va riorganizzato. Lavorerò perché parta subito in Abruzzo la Zes (Zona economica speciale) congiuntamente con la Zona logistica semplificata. La ferrovia Pescara-Roma deve essere realizzata senza che rappresenti uno schiaffo metallico contro il territorio e le imprese”. Quindi il piano di risanamento dei fiumi: “abbiamo assegnato 366 milioni di euro ai depuratori abruzzesi – prosegue D'Alfonso –, ora dobbiamo dichiarare guerra ai problemi resistenti per garantire la qualità della vita ai bambini, agli anziani, ma anche al mare: ecco perché ne faremo una battaglia campale. Dobbiamo riportare qualità e quantità della vita nei piccoli Comuni facendo in modo che abbiamo un fondo per la progettazione, da riferirsi al pnrr e prevedere crediti fiscali per rilanciare le strutture ricettive dei piccoli territori”. Tra le priorità, conclude, anche quella di “risolvere la confusione sul 110 per cento per la ristrutturazione abitativa e una linea fiscale per ridare vitalità ai piccoli Comuni. Serve avere capacità argomentative di convincimento” e con lui in parlamento, ne è certo, non mancheranno.

Alla presentazione dei candidati della lista di cui Fina e D'Alfonso sono alla guida, erano presenti Alfonso D'Alfonso, Luciano Di Lorito, Stefania Di Padova, Elisabetta Merlino, Michele Fina, Ernesto Graziani, Tommaso Di Febo e Massimo Carugno.

Copyright 2022 Citynews

Video popolari

VIDEO | Elezioni politiche, D'Alfonso e Fina: "Niente paracadutati da Roma, batteremo Fratelli d'Italia"

IlPescara è in caricamento