rotate-mobile

VIDEO | Covid, Parruti rassicura: "Con gli antivirali in day hospital è possibile evitare il ricovero dei fragili"

Il direttore della Uoc malattie infettive dell'ospedale di Pescara parla di una ripresa della circolazione del virus, ma con gli strumenti a disposizione nessuno stress per il presidio: 24 i ricoverati per covid in area medica, 2 quelli che si trovano in terapia intensiva

“Assistiamo ad una ripresa della circolazione del virus, ma con la coscienza che se vacciniamo, e lo strumento della quarta dose a tutti è geniale, il virus circolerà meno, e che dobbiamo smettere di tergiversare: quando abbiamo un paziente a rischio che si infetta deve avere accesso all'antivirale perché abbiamo la possibilità di boccare la progressione verso il ricovero. Quindi è un dovere di ognuno di noi, di ogni medico, fare di tutto perché la progressione al ricovero non avvenga”. 


A dirlo Giustino Parruti, direttore della Uoc di malattie infettive dell'ospedale di Pescara a margine del covegno Microbiology & infections in corso all'hotel Villa Maria di Francavilla al Mare. I fragili, insomma, possono essere curati e tutelati dall'aggravarsi della malattia grazie agli strumenti oggi a disposizione anche in day hospital, così come tutti coloro che presentano una sintomatologia. Parlando della situazione che si vive oggi in ospedale il quadro è rassicurante sul fronte dei ricoveri e il timore di un sovraffollamento ad oggi non c'è grazie all'attività di prevenzione messa in campo.

“Abbiamo un incremento della circolazione importante e un fortissimo incremento dell'attività del day hospital. Lo sottolineo perché siamo molto ben impostati soprattutto per ospitare i pazienti che hanno bisogno di prevenzione. Ieri abbiamo avuto 28 accessi oggi ce ne sono altrettanti. Sono persone che avrebbero fattori di rischio per progredire a forme più avanzate nonostante il vaccino e che grazie all'antivirale hanno la possibilità di non farlo lo facciamo con day hospital”. Una gestione portata avanti anche in pronto soccorso dove la richiesta di assistenza è maggiore, sottolinea e dove ci sono, aggiunge, tra le 5 e le 10 persone in attesa di valutazione ed eventuale ricovero quando non dimissibili dopo la somministrazione dell'antivirale. Abbiamo avuto una riespansione modesta delle aree di degenza – conclude -: 24 sono i posti covid occupati, ma posti fruibili perché molti sono già dimissibili e poi ci sono due persone ricoverate ieri in rianimazione”.

Copyright 2022 Citynews

Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Covid, Parruti rassicura: "Con gli antivirali in day hospital è possibile evitare il ricovero dei fragili"

IlPescara è in caricamento