rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024

VIDEO | Comunali, il candidato sindaco Costantini: “Un referendum tra due visioni opposte di città. Riapriamo Pescara”

Ha scelto piazza Muzii il candidato del centrosinistra per chiudere la sua campagna elettorale tornando a parlare del programma e delle priorità, se sarà lui il primo cittadino destinato a traghettare la città verso la Nuova Pescara

È stata Liliana Rullo, avvocato ma anche attrice oltre che candidata al consiglio comunale, a introdurre il comizio conclusivo del candidato sindaco del centrosinistra Carlo Costantini, in piazza Muzii. “La città di Flaiano che trova ostacoli tra i cantieri in corso, tra le corsie e i semafori di viale Marconi, tra le mattonelle di piazza Sacro Cuore e poi vede che ci sono piante esotiche". 

Poi, sul palco, sale il consigliere regionale Luciano D’Amico, il docente universitario che in occasione delle scorse elezioni regionali ha portato alla nascita del Patto per l’Abruzzo, la larga coalizione di forze che si oppongono alla maggioranza di centrodestra in Regione. D’Amico ribadisce le peculiarità e i pregi di Pescara, pronta a guardare nuovamente al futuro, con una figura capace di “riaprire” la città, come recita lo slogan scelto dal candidato sindaco Costantini. 

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

“La prima cosa che farò sarà quella di andare dai dipendenti comunali e chiedere loro scusa per conto di Masci, che ha chiesto loro di sottoporsi al test tossicologico”, dice dal palco prima di elencare una serie di priorità inserite nel programma elettorale e che “rappresentano una visione di città esattamente opposta a quella del mio avversario”, precisa. 

Costantini ribadisce, poi, di voler mettere da parte il progetto del filobus, ripristinando il mercato sulla strada parco, e realizzando la metropolitana di superficie. “Pescara deve  avere un campus universitario, perché dallo sviluppo del polo studentesco dipende anche lo sviluppo della città”, aggiunge. Un accenno anche all’area di risulta e il no alla realizzazione del palazzo della regione proprio lì, senza dimenticare l’ospedale e la possibilità di avere il Dea di secondo livello. 

Esempi fondamentali per far capire agli elettori che nelle giornate di sabato e domenica ci sarà "un vero e proprio referendum tra due visioni opposte di città”. 

Tra i presenti, in piazza Muzii, oltre ai candidati al consiglio comunale, il deputato Luciano D’Alfonso (che non è salito sul palco per un intervento), l’ex sindaco Marco Alessandrini, i consiglieri regionali Antonio Blasioli e Antonio di Marco

Copyright 2024 Citynews

Video popolari

IlPescara è in caricamento